Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 21 novembre 2018

Cronaca sabato 24 febbraio 2018 ore 15:45

Fedeli all'Isis con base a Pisa, tre in carcere

Confermate in Cassazione le ordinanze di custodia cautelare per tre tunisini vicini allo stato islamico dediti allo spaccio all'ombra della Torre



TORINO — Alla fine si sono aperte le porte del carcere per i tre tunisini di 27, 26 e 31 anni che secondo gli investigatori avevano aderito a Ansar al-Sharia, fazione dell'Isis. Lo testimonierebbero alcuni messaggi sui social network con manifestazioni di vicinanza allo Stato Islamico. I tre, Naafaa Afli,Bilel Mejri e Marween Ben Saad, facevano parte di una rete di sette tunisini individuati nell'ambito dell'inchiesta Taliban coordinata dalla procura di Torino e condotta dai carabinieri del Ros. 

Secondo gli investigatori i sette, due dei quali sono morti in Siria, una volta arrivati a Torino per ottenere il permesso di soggiorno si erano iscritti all'Università con falsa documentazione. I tre arrestati, poi, da Torino si erano spostati a Pisa per mettersi a spacciare droga. Erano poi finiti ai domiciliari. A maggio scorso il gip aveva detto no alla richiesta di cinque ordinanze di custodia cautelare avanzate dalla procura per terrorismo internazionale. Dopo il ricorso del pm Andrea Padalino, il tribunale del riesame aveva dato ragione alla procura ma mancava ancora la conferma della Cassazione. Conferma che ora è arrivata, facendo finire in carcere, adesso, solo tre dei tunisini indagati. Gli altri, infatti, sono fuggiti all'estero.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità