Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°17° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 19 ottobre 2019

Attualità venerdì 24 giugno 2016 ore 18:00

Il mare inquinato della costa toscana

Goletta verde ha rilevato alte cariche batteriche in nove dei punti analizzati e un elevato inquinamento negli altri otto



FIRENZE — Per Goletta verde la costa toscana non sta bene. In tutto sono stati 19 i punti rilevati e nessuno di questi risulta del tutto esente da fattori inquinanti. 

Nel mirino ancora una volta ci sono le foci dei fiumi, i canali e i torrenti che continuano a immettere in mare sostanze inquinanti. 

Il rapporto è stato presentato dall'equipe tecnica dell'imbarcazione ambientalista alla presenza di Francesca Ottaviani, portavoce di Goletta Verde e Umberto Mazzantini, responsabile Mare di Legambiente Toscana. 

"Nel corso del nostro viaggio monitoriamo i punti critici individuati lungo le coste, ma ciò non significa che in questi punti non sia alta la frequenza dei bagnanti. Di conseguenza, la carica batterica che arriva in mare rappresenta non solo un problema ambientale ma anche un rischio per la salute umana", ha detto Francesca Ottaviani, portavoce di Goletta Verde.

I punti scelti sono stati individuati dalle segnalazioni non solo dei circoli di Legambiente ma degli stessi cittadini attraverso il servizio Sos Goletta. La situazione più critica si registra in provincia di Massa-Carrara dove tutti i punti monitorati risultati "fortemente inquinanti". I quattro prelievi sono stati eseguiti a Marina Carrara (alla foce del torrente Carione); a Marina di Massa (alla foce del fiume Frigido) e in località Partaccia dello stesso comunne (alla foce del torrente Lavello); a Montignoso (alla foce del fiume Versilia). 

All'Isola d'Elba sono risultati "fortemente inquinanti" i campioni prelevati alla foce del fosso di Mola, nell''Area umida del Parco Nazionale dell''Arcipaelago Toscano, nell''area che fa parte nel territorio del Capoliveri. A Portoferraio è invece risultata inquinata la foce del canale dove sorge la sede del "Teseo Tesei".

Due campionamenti giudicati "fortemente inquinanti" sui tre realizzati in provincia di Lucca: a Pietrasanta (foce del fosso Montrone in località la Focetta) e a Camaiore (foce del fosso dell''Abate in località Lido). Nella norma quello prelevato a Viareggio (spiaggia antistante piazza Mazzini). 

Un solo punto giudicato "inquinato" rispetto ai sei monitorati in provincia di Grosseto: quello alla foce del canale nell''area di porto di Cala Galera in località Poggio Pertuso di Monte Argentario. Nessun problema riscontrato invece in quelli effettuati a Follonica (accesso al mare n.88); Castiglione della Pescaia (spiaggia in corrispondenza del fiume Bruna); Orbetello (alla foce dell''Albenga e alla foce del canale di Fibbia) e ad Ansedonia (foce fosso Tagliata Etrusca).



Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca