Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 13 novembre 2018

Attualità domenica 16 novembre 2014 ore 17:41

Torna l'antico mestiere delle “tabacchine”

Riprende la produzione manuale del sigaro toscano nelle terre dove oltre 400 anni fa venne introdotta per la prima volta la coltivazione del tabacco



VALTIBERINA — Un nuovo futuro per un antico mestiere, che per quattro secoli ha caratterizzato l'economia toscana e che rischiava di scomparire per sempre: stiamo parlando delle “tabacchine”, ovvero le selezionatrici di foglie di tabacco Kentucky essiccate sulle pertiche, da rollare per produrre il sigaro toscano artigianale. A breve nei Comuni dell'Alta Valle del Tevere, a cavallo tra Toscana e Umbria, riprenderà la produzione manuale del “toscano” grazie a un investimento tutto italiano della Compagnia Sigarai Toscani.

Un atteso ritorno, si può ben dire: in queste terre nel XVI secolo, per volere del Granduca Cosimo I, venne introdotta per la prima volta la coltivazione del tabacco, che veniva prodotto e commercializzato senza dazi nel mini-stato indipendente della “Libera Repubblica di Cospaia”. Una felice congiuntura che permise a questa zona di diventare, assieme della Lucchesia, uno dei principali poli di produzione del tabacco in Italia. Il nuovo sigaro artigianale di chiamerà “Mastro Tornabuoni”, in omaggio al vescovo e ambasciatore mediceo in Francia Nicolò Tornabuoni che per inviò in Toscana i primi semi di tabacco.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità