Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14° 
Domani 12°14° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 15 dicembre 2019

Imprese & Professioni lunedì 18 novembre 2019 ore 05:00

​Surroghe in crescita: quando conviene trasferire il mutuo?

Sono sempre più frequenti le richieste di surroga del mutuo da parte dei cittadini italiani



TOSCANA — Secondo quanto riportano i dati di settore aggiornati al mese di settembre, le domande di surroga sono arrivate addirittura al doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, principalmente per via dei tassi di interesse scesi al minimo. Approfondiamo quindi la situazione attuale relativa alle surroghe nel nostro Paese, cercando di capire meglio quali sono i casi in cui è meglio provvedere a tale richiesta.

Tassi di interesse al minimo: surroghe raddoppiate a settembre

La situazione attuale, che vede i tassi di interesse arrivare ai minimi storici (al di sotto dell’1%), ha spinto moltissimi italiani a richiedere surroghe per risparmiare sulle rate del mutuo. Proprio il costo medio delle rate mensili, infatti, è la ragione principale che spingi molti mutuatari a decidere di ricorrere a questa procedura.  La Toscana, nello specifico, riporta una rata media di circa 374 euro, e rientra tra le cinque regioni con l’importo maggiore in assoluto a livello nazionale.

Si registra dunque una nuova, straordinaria ondata di surroghe (la terza dopo quelle del 2014-2015 e 2017-2018). I dati di settore parlano chiaro: nel solo mese di settembre queste ultime sono infatti raddoppiate rispetto allo scorso anno, registrando un +100%, e il mese di ottobre non ha affatto deluso le aspettative in questo senso, segnando un incremento del 94% circa.

È bene ricordare che, grazie alla Legge Bersani, a partire dal 2007 questa procedura è completamente gratuita: eventuali costi di gestione sono infatti totalmente a carico della nuova banca scelta e non più del richiedente, come accadeva in passato; per saperne di più a questo proposito, quindi, può essere utile scoprire su Facile.it come trasferire il mutuo presso un'altra banca e approfondire al meglio l’argomento, in modo da valutare con attenzione in che modo procedere.

Perché e quando conviene richiederla?

Tale procedura si rivela particolarmente conveniente sia per il mutuatario sia per la banca: se il primo riesce a risparmiare una somma non indifferente nel lungo termine grazie al trasferimento del proprio mutuo e alle condizioni migliori proposte dalla nuova banca scelta, la banca in questione solitamente accetta di buon grado la richiesta in quanto così facendo si abbassa al minimo il rischio di credito. E non è tutto: gli istituti di credito “di arrivo” hanno la sicurezza che il nuovo mutuatario richieda un mutuo a tasso fisso e, di conseguenza, resti loro “fedele” negli anni.

Si tratta dunque di una soluzione utile per entrambi, ma quando è il caso di prenderla in considerazione? Richiedere una surroga è consigliabile soprattutto nel momento in cui si ha un mutuo “giovane”, mentre non si rivela particolarmente conveniente per chi è vicino all’estinzione del mutuo.



Tag

Tromba d'aria a Lauria: scoperchiato il tetto del palazzetto dello sport Video

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità