Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°29° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 18 luglio 2019

Cronaca lunedì 14 dicembre 2015 ore 10:50

Minorenni demoliscono un muro

Un gruppo di ragazzi si è accanito contro la parete che delimitava il giardino sul retro di villa Crastan. Uno di loro è stato acciuffato



PONTEDERA — I giovani possono essere distruttivi o creativi a seconda delle circostanze. Quelli che nella scorsa notte si sono accaniti contro il muro di villa Crastan (ex biblioteca comunale) hanno scelto la distruttività. Se abbiano usato soltanto mani e piedi o anche qualche attrezzo per portare a compimento l'opera, non è ancora noto; quello che è evidente è il risultato di tanto impegno: diversi metri di muro devastati a ridosso dell'argine che si affaccia sul fiume Era.

Blocchi larghi e compatti, trucioli e polvere, macerie che schiacciano arbusti: un lavoro degno di un demolitore. Il muro comunque versava già in condizioni precarie e dargli il colpo di grazia non deve essere costata troppa fatica. Sembra che i giovani - fra loro c'era anche un minorenne - fossero tre o quattro, ma il numero esatto non è confermato.

Ad avvertire le forze dell'ordine è stato un cittadino che ha notato la scena. Sul posto sono accorsi i carabinieri e la polizia municipale. Il canovaccio, in questi casi, è sempre lo stesso: una fuga precipitosa. Come già accaduto l'altro giorno nella frazione della Rotta, dove tre ragazzini sono riusciti a farla franca dopo essere stati avvistati dalla Polizia, anche i teppisti di villa Crastan non si sono lasciati incastrare. Solo uno di loro, il giovane di sedici anni, è stato acciuffato.

Si tratta di un minorenne già noto alle forze dell'ordine, residente a Calcinaia. Ha opposto resistenza in maniera violenta ma il suo dibattersi è stato inutile. Su di lui pendono le accuse di danneggiamento, invasione di terreni e resistenza a pubblico ufficiale. Il sindaco di Pontedera Simone Millozzi ha ringraziato le autorità e per il giovane ha auspicato una punizione severa, che implichi lavori di pubblica utilità.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Lavoro