Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 21°33° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 26 giugno 2019

Lavoro domenica 09 aprile 2017 ore 11:02

Dieci milioni di euro per le imprese agricole

La Regione Toscana ha aderito a una nuova piattaforma di garanzia gestita dal Fondo europeo per gli investimenti



VERONA — La Toscana allarga la gamma di strumenti in grado di soddisfare la richiesta di finanziamenti provenienti dalle imprese agricole ed agroalimentari aderendo con 10 milioni di euro a una nuova piattaforma di garanzia gestuta dai Fei.

La firma del protocollo d'intesa, che coinvolge la BEI, la Banca europea per gli Investimenti, il FEI, la Cassa depositi e prestiti, Ismea, l'Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare e otto regioni italiane tra cui la Toscana, è avvenuta a Vinitaly. 

"L'approvazione dell'ultima versione del nostro PSR 2014-2020 da parte della Commissione europea ci consente di concedere aiuti ai potenziali beneficiari anche sotto forma di uno strumento finanziario di garanzia e non soltanto con contributi in conto capitale - ha spiegato l'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi - I primi bandi sulle misure di investimento per le imprese agricole ed agroalimentari hanno riscosso un grande successo, con tantissime domande presentate. Tuttavia il budget a disposizione, seppur rilevante, non è riuscito a soddisfare tutte le richieste. Considerate che, ad esempio, per la sottomisura 4.1 il budget previsto per il primo bando era di 25 milioni: le domande presentate sono state oltre duemila, quelle finanziabili solo 470. Con questo ulteriore strumento contiamo di soddisfare un numero maggiore di richieste e aiutare anc he i piccoli imprenditori, che talvolta hanno difficoltà ad accedere a finanziamenti con gli strumenti "classici", e le imprese ad essere sempre più innovative e competitive e a poter sviluppare le proprie idee progettuali".

Alla piattaforma hanno deciso di aderire anche Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Veneto, Umbria, Puglia, Calabria e Campania. 

I beneficiari potranno ricevere prestiti garantiti al 50 per cento dal Dei, senza alcun tetto per gli intermediari a livello di portafoglio e con trasferimento del beneficio della garanzia (in termini di minori tassi di interesse e/o minori garanzie collaterali richieste). 

La Cassa depositi e prestiti parteciperà al fondo con 150 milioni di euro, il FEI con altri 165 milioni di euro.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità