comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°24° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 27 maggio 2020
corriere tv
«Se mi riprendi ti butto a mare»: troupe Rai minacciata con spintoni e calci sul lungomare di Bari

Attualità martedì 17 marzo 2015 ore 19:39

Uragano, ecco i 3 milioni di euro per le famiglie

Il consiglio regionale ha approvato all'unanimità la legge che stanzia 3 milioni di euro di contributi straordinari per i nuclei familiari danneggiati



FIRENZE — Nella legge si fa specifico riferimento agli eventi meterologici del 5 marzo che hanno portato il governatore Enrico Rossi a dichiarare lo stato di emergenza regionale.

La legge dispone un contributo di solidarietà alle persone fisiche danneggiate che, come già in altre occasioni, è finalizzato a fronteggiare le prime spese per ristrutturare gli immobili destinati a prima abitazione.

Possono chiedere il contributo i nuclei familiari danneggiati che abbiano un valore Isee massimo di 36mila euro; il limite massimo del contributo è di 5mila euro. La Regione provvederà alla ripartizione i 3 milioni di euro di risorse disponibili tra i Comuni in proporzione alle segnalazioni di danno.

Durante la discussione in consiglio il capogruppo di Fratelli d'Italia, Giovanni Donzelli, pur annunciando il suo voto favorevole, ha parlato di “cifre profondamente insufficienti” per “centinaia di famiglie colpite dalla più grande devastazione in Toscana negli ultimi anni”. Per il consigliere lo stanziamento è “del tutto inadeguato” anche alla luce delle definizioni usate da Rossi sull’accaduto.

Gabriele Chiurli del gruppo misto ha parlato di “spot elettorale” e di “presa in giro”.

Giuseppe Del Carlo dell'Udc, ha fatto notare che i finanziamenti sono per famiglie, quindi ha chiesto alla giunta se sono “previsti indennizzi o provvidenze di carattere fiscale per le aziende, anche piccole”. 

La vicepresidente Stefania Saccardi ha risposto che la scelta delle famiglie è stata fatta in relazione alle cifre che si è riusciti a reperire nelle pieghe del bilancio. Niente vieta, ha detto, che si prenda in considerazione la possibilità di aiutare le piccole aziende. “Ma al momento - ha precisato la vicepresidente - non è contemplato”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Imprese & Professioni

Attualità

Imprese & Professioni