Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 21 novembre 2018

Attualità sabato 28 novembre 2015 ore 11:16

Fa "outing" nell'aula del Consiglio Comunale

In difesa di una mozione sull'educazione alla diversità, il consigliere Flavio Tani ha rivelato la sua omosessualità. Nello stupore generale dell'aula



CALCINAIA — "Sono omosessuale". Ha lasciato tutti di stucco, giovedì scorso a Calcinaia, il consigliere comunale Flavio Tani (lista "Insieme per il bene comune"), che ha deciso di rendere pubblico il suo orientamento sessuale proprio nel corso della seduta pubblica dell'assemblea cittadina. E così, tra la sorpresa dei presenti, l'acceso dibattito politico ha lasciato spazio ad una aperta ed amara confessione sulle quotidiane difficoltà di chi deve nascodere ogni giorno i propri sentimenti.

La riunione consiliare aveva all'ordine del giorno una contestatissima mozione dal titolo “Educare alle differenze”, per l'introduzione nelle scuole di percorsi di formazione per i docenti che abbiano come tema l’educazione di genere, ad un corretto uso di terminologie non sesssite e rispetose dei diversi orientamenti sessuali. Mozione avversata dalle opposizioni, che avevano già lanciato una raccolta di firme per bloccarla.

Ecco che allora, per difendere la bontà della mozione, il consigliere ha deciso di raccontare la propria esperienza personale, ripercorrendo le tappe anche dolorose di un difficile percorso personale. "La prima volta che mi dissero 'finocchio' non capii cosa voleva dire, ma solo che non era una cosa bella e che mi faceva sentire diverso dagli altri" ha racontato Tani di fronte agli sbigottiti colleghi. "Mi chiedevo perché fossi sbagliato – ha detto Tani – quelli delle scuole medie sono stati tre anni lenti e lunghissimi. Nessun bambino dovrebbe mai sentirsi come mi sono sentito io". 

"All’inizio non volevo mettermi così tanto allo scoperto - ha detto Tani dopo l'inatteso exploit - ma quando ho letto le motivazioni di chi era contrario alla mozione mi è crollato tutto addosso e ho rivissuto tutto il mio passato. Ho parlato di me per far capire di cosa si tratta e per far comprendere che non c’è assolutamente niente di cui avere paura, perché nel nostro sistema scolastico da anni esistono questi percorsi, si tratta solo di porci un’attenzione maggiore".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità