Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°27° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 18 settembre 2019

Attualità giovedì 11 giugno 2015 ore 13:15

Colpo di spugna sulle spese dei consiglieri

La Corte costituzionale ha accolto il ricorso della Regione: i presidenti dei gruppi non sono agenti contabili e non devono presentare gli scontrini



FIRENZE — La sentenza della Consulta è la numero 107 del 2015 ed è stata firmata dal presidente Alessandro Criscuolo.

In sostanza la Corte costituzionale ha dato ragione alla Regione Toscana che il 9 ottobre 2013 aveva sollevato un conflitto di attribuzioni, sottolineando che la Corte dei Conti non aveva alcun titolo per chiedere ai presidenti dei gruppi consiliari gli scontrini per le spese sostenute negli anni 2010 e 2012. 

Questo perchè solo a partire dal 2012, con la legge voluta da Mario Monti dopo l'esplosione del caso Fiorito in Lazio, i gruppi erano tenuti a rendicontare puntualmente le proprie spese. Prima di allora vigeva l'autonomia contabile dei consigli regionali.

Secondo la Corte dei Conti, invece, i presidenti dei gruppi consiliari, che all'interno della sentenza della Consulta vengono citati nome per nome (Vittorio Bugli, Marco Ruggieri, Monica Sgherri, Alberto Magnolfi, Antonio Gambetta Vianna, Marta Gazzarri, Pieraldo Ciucchi), in base a una legge risalente al Ventennio sarebbero da equiparare agli "agenti economici", ovvero agli economi dei comuni. Obbligati a depositare le ricevute per le spese sostenute.

Un'impostazione respinta dalla Corte costituzionale che, di fatto, ha fatto calare il sipario sulla trasparenza delle spese dei consiglieri di tutte le Regioni, prima del 2012.



Tag

Italia Viva, Renzi e Vespa prendono il caffè e all'ex premier «sfugge» il nome del nuovo partito

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Lavoro

Attualità