Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°22° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 14 ottobre 2019

Attualità lunedì 09 marzo 2015 ore 13:43

Dalle Apuane al mare, i no al piano del paesaggio

Dopo gli imprenditori del lapideo anche i balneari si scagliano contro il documento di programmazione regionale: "Contiene troppi divieti"



FIRENZE — "Piano dell'Arenile inadeguato ai tempi in cui viviamo. L'impossibilita' di realizzare piscine, campi da gioco, pedane per punti ombra, nuovi servizi igienici, nuove docce, ampliare cucine e altri locali di servizio, un tempo più che congrui, ma oggi nettamente insufficienti, mette il turismo della nostra costa nell'impossibilità di reggere la concorrenza non solo di Paesi esteri, ma anche di molti altri comprensori turistici nazionali". 

E' quanto afferma Cna Balneatori in vista dell'approvazione finale del Piano Paesaggistico da parte della Regione Toscana prevista per domani che contiene anche le linee guida per la definizione degli interventi che possono essere realizzati negli stabilimenti balneari

A muovere le proteste dei balneari (dopo quelle degli imprenditori del lapideo) i numeri del turismo apuo-lunigianese registrati nel 2014 e che mostrano un calo del 22,3% sui fatturati e dell'8,8% sull'occupazione rispetto all'anno precedente.

"In questi ultimi decenni, in generale, e in quest'ultimo in particolare, e' profondamente cambiata la concezione della vacanza al mare: dove bastavano, un tempo, sedie a sdraio e ombrelloni, adesso occorrono stabilimenti balneari che siano centri di servizi integrati per il turista".



Tag

Russia, Berlusconi: «Neanche Salvini ha tolto le sanzioni»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca