Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 3° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 14 dicembre 2019

Attualità sabato 13 febbraio 2016 ore 12:09

Anci dice no alle fusioni decise a tavolino

Matteo Biffoni

Il presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni rivendica il ruolo da protagonisti dei Comuni nei processi di accorpamento



FIRENZE — “Le fusioni tra Comuni possono essere una grande opportunità per i nostri territori. Ma ad una condizione: che le comunità locali siano assolute protagoniste di ogni processo - spiega Biffoni - Per questo Anci, pur condividendo i processi, non reputa utili né giuste le ‘fusioni a freddo’ definite a tavolino: non funzionano”. 

“La posizione di Anci è chiara - ribadisce il presidente - i Comuni devono tornare al centro della riforma della pubblica amministrazione, perché sono i Comuni a dover ridisegnare il riassetto complessivo del governo locale, secondo le specificità dei territori”. 

“Per tutti – continua Biffoni - la ‘stella polare’ deve essere chiara: offrire migliori servizi ai cittadini, ottimizzare i servizi, contenere le spese. Per questo è necessario un sistema di incentivi sia finanziari sia procedurali, con un sistema di premialità per l’accesso a contributi e bandi, e con una semplificazione amministrativa che eviti di duplicare gli adempimenti”. 

Intanto, per dare supporto ai territori sulle fusioni, Anci Toscana ha costituito un gruppo di lavoro multidisciplinare che offra agli amministratori un supporto operativo, oltre che politico e istituzionale.

Al momento, in Toscana, ci sono 149 amministrazioni in Unioni di comuni, vale a dire più del 50 per cento, 16 comuni già fusi e, complessivamente, 59 enti in cui si discute o si è discusso di comune unico.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca