Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14°33° 
Domani 16°30° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 23 agosto 2017

Lavoro martedì 10 gennaio 2017 ore 17:12

​Aree di crisi, prorogati gli incentivi

Prorogati anche per il 2017 gli incentivi all'occupazione nelle aree di crisi toscane come l'Amiata, Piombino, Livorno, San Vincenzo-Suvereto

FIRENZE — La decisione di estendere a tutto il 2017 la possibilità di fare domanda (fino al 29 dicembre2017) è stata presa per ampliare le opportunità di inserimento lavorativo per tutti coloro che si affacciano con deboli capacità competitive sul mercato del lavoro, che ne sono stati espulsi a causa della crisi e che sono a rischio di disoccupazione di lunga durata.

Gli interventi, finanziati complessivamente per 2 milioni e 650 mila euro grazie a risorse del Por Fondo sociale europeo 2014-2020, rientrano anche nell'ambito dell'attività di Giovanisì il programma per l'autonomia dei giovani.
Le aree interessate Tutte le misure previste dal bando sono riservate, in particolare, alle tre aree di crisi designate dalla Regione nel 2015 e alla area dell'Amiata (individuata dalla giunta regionale nel 2016). Nel dettaglio si tratta dei Comuni di Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo-Suvereto (polo siderurgico), Sassetta, Livorno, Collesalvetti, Rosignano Marittimo, Comuni della Provincia di Massa
Carrara, Comuni dell'Amiata Val d'Orcia e dell'Amiata Grossetana (Abbadia san Salvatore, Castiglion d'Orcia, Piancastagnaio, Radicofani, San Quirico d'Orcia, Arcidosso, Castel del Piano, Castell'Azzara, Cinigiano, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano, Semproniano).

Le tipologie di incentivo previste si ripartiscono in incentivi all'assunzione o alla trasformazione dei contratti di lavoro verso forme stabili; incentivi all'assunzione di donne; incentivi all'assunzione di disabili. I destinatari finali degli incentivi regionali sono: donne disoccupate over 30; giovani laureati e dottori di ricerca; lavoratori provenienti dalle liste di mobilità e licenziati; soggetti prossimi alla pensione, in situazione di disoccupazione o mobilità non indennizzate o comunque privi di ammortizzatori sociali; lavoratori con contratti a tempo determinato trasformati a tempo indeterminato, almeno 4 mesi prima della scadenza del contratto; le assunzioni di soggetti svantaggiati (ex
detenuti, invalidi, alcolisti, malati psichiatrici ecc).

Dal 2010 al 2015 gli incentivi alle assunzioni hanno previsto un impegno finanziario (del POR FSE 2007-13) superiore a 73 milioni di euro, che ha consentito l'assunzione-stabilizzazione di oltre 14 mila lavoratori.

Nel periodo di programmazione FSE 2014-2020 lo strumento "incentivi per l'occupazione" ha visto una sempre più importante destinazione di risorse (prima con una previsione di quote di riserva sino ad una
pressoché totale destinazione a favore delle aree di crisi regionali di Piombino, Massa Carrara, Livorno e, più di recente, anche per l'Amiata).

Le risorse messe a disposizione sul nuovo POR superano i 13 milioni e hanno fino ad oggi consentito circa 2300 assunzioni.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca