Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°21° 
Domani 18°24° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 23 agosto 2019

Attualità giovedì 07 marzo 2019 ore 17:42

E45, la chiusura è costata 9 milioni di euro

La Regione ha inviato al governo la stima dei danni causati dall'interruzione del viadotto del Puleto. Chiesti 6 milioni per la cassa integrazione



FIRENZE — La Regione Toscana ha inviato, come annunciato nei giorni scorsi, una lettera al governo per comunicare la stima complessiva dei danni patiti dal territorio della Valtiberina in seguito alla chiusura, per circa un mese, del viadotto del Puleto lungo la strada di grande comunicazione E45, poi riaperta al traffico leggero lo scorso 13 febbraio. A conti fatti si tratta di 9,1 milioni di euro che risultano dalle verifiche effettuate dalle amministrazioni comunali con la collaborazione delle categorie. 

A firmare la lettera inviata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio e al capo della Protezione civile Angelo Borrelli, è stata firmata dal governatore toscano Enrico Rossi. 

Al governo la Toscana ha chiesto anche, con un'altra lettera, di mettere a disposizione 6 milioni di euro per gli ammortizzatori sociali in deroga o per indennità una tantum a favore di tutte le tipologie di lavoratori, si legge in una nota della Regione, "che abbiano dovuto sospendere o ridurre l'attività a causa della chiusura dell'asse viario E45". 

Nel dettaglio, i danni alle aziende manifatturiere ammontano a 4,3 milioni di euro, quelli alle aziende di trasporto ammontano a 3,7 milioni di euro. Mezzo milione di euro è poi l'ammontare stimato per i danni per gli ammortizzatori sociali non disponibili mentre per le attività turistiche e ricettive si sale a 600mila euro

Sull'invio al governo della stima dei danni subiti dal territorio si è espresso l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli che più volte nelle scorse settimane ha incontrato i rappresentanti delle amministrazioni locali e delle categorie economiche insieme al presidente Rossi. "Nonostante la procedura inusuale seguita dal ministero, i dati della Toscana sono arrivati puntualmente a destinazione. Voglio sottolineare ancora una volta la stretta ed efficace collaborazione tra le istituzioni locali e le associazioni di categoria che ha consentito la rapida e attenta ricognizione dei danni. Adesso ci attendiamo che il governo si attivi rapidamente e che garantisca tutte le risorse che sono necessarie alla ripresa delle attività sul territorio colpito". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca