Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14°28° 
Domani 13°22° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 23 ottobre 2019

Attualità mercoledì 23 novembre 2016 ore 12:54

Centrodestra unito per il No

Per sabato 26 novembre Fratelli d'Italia, Forza Italia e Lega Nord hanno organizzato in piazza Strozzi una giornata per spiegare le ragioni del No



FIRENZE — Tutti insieme, uniti per il No al referendum costituzionale del 4 dicembre prossimo. Lo hanno detto più volte i consiglieri regionali della Toscana che si sentono uniti nel fronte del No. 

Fratelli d'Italia, Forza Italia e Lega Nord hanno presentato una manifestazione aperta a tutti i cittadini e organizzata in piazza Strozzi a Firenze per sabato 26 novembre, dalle 16 alle 19.

A spiegare la giornata delle ragioni del No Manuel Vescovi, consigliere regionale di Lega Nord: "Facciamo una manifestazione con dei gazebo per incontrare i cittadini e spiegare le ragione di No, perché bisogna dire No per mandare a casa Renzi, Boschi e Verdini che non devono essere i nostri padri costituenti".

"Dalla città del presidente del consiglio - ha detto il vicepresidente del Consiglio regionale Marco Stella -, tutti insieme, tutto il centrodestra unito, per dire un No secco alla riforma Boschi. Non sarà un comizio classico, ma ci saranno dieci gazebo informativi per tutto il pomeriggio, con i consiglieri regionali, di quartiere e comunali che spiegheranno le ragioni del No".

Per il capogruppo a palazzo Pegaso, nonché membro dell'esecutivo nazionale di Fratelli d'Italia, Giovanni Donzelli: "Quando sento Renzi dire che la Toscana sara' il suo granaio replico che la Toscana sara' invece il posto dove si fermera' piu' di tutti, e siamo convinti che anche in Toscana vincerà fortemente il No".

MANUEL VESCOVI SU MANIFESTAZIONE RAGIONI DEL NO
GIOVANNI DONZELLI SU MANIFESTAZIONE RAGIONI DEL NO


Tag

Carcere agli evasori, Bonafede: «Ora pene da quattro a otto anni»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità