Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 20 febbraio 2020

Attualità giovedì 28 giugno 2018 ore 12:11

I giovani si prendono cura dei beni comuni

Ventotto progetti di recupero di immobili e giardini abbandonati su tutto il territorio finanziati dal bando promosso da Cesvot e Regione Toscana



FIRENZE — Ammonta a 140mila euro il finanziamento complessivo dei ventotto progetti presentati da 98 associazioni di volontariato in tutta la Toscana che serviranno a recuperare edifici, giardini e spazi dismessi o abbandonati su tutto il territorio regionale. Un patrimonio da salvare di cui si prenderanno cura in prima persona i giovani. Le condizioni poste dal bando, promosso da Cesvot con il sostegno di Giovanisì della Regione Toscana, erano infatti precise: sollecitare il protagonismo dei giovani toscani e coinvolgere almeno tre associazioni di volontariato per ciascun progetto. 

Cinquemila euro il finanziamento concesso a ogni progetto presentato. Nello specifico, la provincia in cui ne sono stati presentati di più è Siena, dove sono stati 6, poi Firenze, Empoli e Livorno

Qualche esempio? Il recupero di alcuni immobili abbandonati nelle frazioni di Monte San Savino da far diventare 'Case paese' destinate alla socializzazione e ancora la rinascita del quartiere di Saione ad Arezzo, della Vela di Empoli e di Popolano a Marradi. Altri progetti riguardano Portoferraio all'Isola d'Elba, Piombino e Canevara a Massa, dove è in ballo il recupero di un mulino per riscoprire le antiche tradizioni legate alla lavorazione delle castagne. E ancora Vinci, dove un boschetto sarà trasformato in parco cittadino e Castelfiorentino, dove gli street artist potranno sbizzarrirsi eliminando il degrado in cui versa un sottopasso ferroviario. 

I beni comuni, è bene ricordarlo, non sono solo quelli materiali. Ci sono anche le tradizioni contadine ed enogastronomiche dei diversi territori che devono essere riscoperte e tutelate. Accadrà anche questo, grazie al progetto 'Giovani e beni comuni', a Massa Carrara, Capannoli e Siena. 

“La qualità e orginalità dei progetti finanziati – ha detto Federico Gelli, presidente di Cesvot - dimostra che il binomio ‘giovani e beni comuni’ è senz’altro vincente. Grazie alla capacità di mobilitazione e coivolgimento delle nostre associazioni, tutti i progetti propongono un importante attivismo del mondo giovanile e al contempo percorsi concreti e radicati sul territorio di recupero e valorizzazione di tanti beni comuni, sia materiali che immateriali". 



Tag

Giù le Vele di Scampia, ecco cosa resta del supermercato della droga più importante d'Europa

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità