Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 22°34° 
Domani 23°34° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 23 luglio 2019

Attualità martedì 06 dicembre 2016 ore 16:32

L'alleanza vincente tra scuola e lavoro

Giornata dedicata alle politiche giovanili organizzata dalla Regione a Firenze per fare il punto sul programma finanziato dal fondo sociale europeo



FIRENZE — "Libera il tuo talento! L'europa che ci piace". Questo l'evento dedicato ad istruzione e formazione professionale a alle politiche rivolte ai giovani organizzato all'Obihall di Firenze dalla Regione Toscana. L'iniziativa si inserisce nell'ambito della Settimana europea delle competenze nell'istruzione e formazione professionale, voluta dalla Commissione Europea per mettere in mostra eccellenza e qualità.

La Toscana ha da poco stanziato 2,28 milioni di euro per finanziare 20 percorsi, lunghi ciascuno due anni, per circa trecento ragazzi di tutta la Toscana che hanno già compiuto sedici anni ma hanno abbandonato il proprio corso di studi senza aver conseguito né titoli né qualificazioni e non lavorano. E' la prima sperimentazione del cosiddetto sistema duale al centro delle intese firmato a gennaio dal Ministero del Lavoro con le Regioni e voluto per avvicinare scuola e lavoro: un modo anche per contrastare la dispersione scolastica. Parallelamente la Regione ha anche finanziato con 8 milioni di euro dal Fondo sociale europei 70 corsi che serviranno a formare circa 1050 giovani.

L'obiettivo del modello di alternanza scuola-lavoro è portare 60mila ragazzi in un biennio, in tutta Italia, a conseguire titoli di studio che consenta loro di meglio e più velocemente trovare un'occupazione. 

Le strade sono più di una: per una parte dei giovani studenti l'apprendimento in impresa avverrà tramite un contratto di apprendistato di primo livello, per altri attraverso l'introduzione dell'alternanza "rafforzata" di 400 ore annue a partire dal secondo anno del percorso di istruzione e formazione professionale scelto, a cui si aggiunge anche la possibilità di fare un'esperienza di impresa formativa simulata. Partita come sperimentazione, portata avanti in trecento centri di formazione professionale distribuiti in tutta Italia (isole comprese), l'alternanza è diventata qualcosa di strutturale con la legge sulla "Buona scuola" del 2015. L'attività riguarda oggi tutte le terze e quarte classi delle scuole secondarie superiori e dal prossimo anno scolastico si andrà a regime con l'intero triennio.

Per combattere la disoccupazione giovanile, migliorare e qualificare i servizi di orientamento e collocamento, promuovere l'apprendistato e costruire un rapporto proficuo con le aziende del territorio la società pubblica Italia Lavoro ha lanciato anche il programma FIxO (Formazione e Innovazione per l'Occupazione) con un supporto a 1000 scuole secondarie superiori e 75 università, aiutate anche nella partecipazione a Garanzia Giovani. Il programma favorisce l'occupazione anche dei dottori di ricerca tra 30 e 35 anni, con un bonus di 8mila euro alle aziende per ogni assunto per almeno dodici mesi.

Servizio di Serena Margheri


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca