Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11°11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 21 novembre 2019

Attualità venerdì 05 maggio 2017 ore 16:26

Morbillo, casi decuplicati e vaccini in picchiata

Sono 249 i casi registrati in Toscana dall'inizio dell'anno a fronte dei 26 del 2016. L'81 per cento del totale non era vaccinato



FIRENZE — Non sono confortanti i dati sul morbillo registrati in Toscana dall'inizio dell'anno. Dal 1 gennaio al 30 aprile del 2017, infatti, secondo il sistema di sorveglianza integrata della Regione, i casi sono stati 249. Guardando al passato, erano stati 26 nell'intero 2016, 20 nel 2015, 65 nel 2014, 102 nel 2013. 

Dei 249 casi di quest'anno, solo 47 erano vaccinati, mentre l'81,1 per cento non aveva copertura vaccinale. Sul totale dei contagiati, 39 sono operatori sanitari. Sempre per quanto riguarda i 249 casi del 2017, il 14,90 è arrivato al pronto soccorso, il 41,80 è stato ricoverato. Sui 249 casi, 121 hanno riportato almeno una complicanza, tra cui diarrea, stomatite, epatite, insufficienza respiratoria, polmonite, otite.

Sull'escalation di casi è intervenuta anche l'assessora regionale alla salute Saccardi: "Al calo preoccupante delle vaccinazioni al quale stiamo assistendo corrisponde un aumento vertiginoso dei casi di morbillo, tra i bambini ma anche tra gli adulti, in Toscana come in molte altre regioni. E quindi faccio un appello alla vaccinazione. Un appello che rivolgo prima di tutto ai genitori di bambini in età di vaccinazione: quella contro il morbillo non è tra le vaccinazioni obbligatorie, ma tra quelle cosiddette raccomandate. Però la malattia può avere conseguenze anche pesanti; mentre le reazioni indesiderate sono molto lievi. Un analogo appello lo rivolgo agli operatori sanitari: sono molti i medici e gli infermieri che quest'anno hanno contratto il morbillo, in molti casi da pazienti ricoverati".

Sul piano tecnico, secondo quanto indica il calendario regionale delle vaccinazioni, la vaccinazione contro il morbillo consta di 2 dosi, per via sottocutanea, di cui la prima al 14/15esimo mese, in preparazioni combinate con i vaccini contro la parotite e la rosolia o contro parotite, rosolia e varicella; la seconda dose è prevista a 5 - 6 anni. Nelle età successive, la vaccinazione è offerta a tutti i suscettibili. Nei contatti dei casi e in occasione di focolai epidemici, la vaccinazione viene offerta attivamente a tutti coloro che sono suscettibili di contagio, possibilmente entro 72 ore dall'esposizione.



Tag

Ex Ilva, Conte: «All'incontro con il signor Mittal porterò la determinazione di un paese del G7»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità