Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12°24° 
Domani 15°19° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Cronaca giovedì 29 dicembre 2016 ore 19:00

Non vaccinato, ucciso dalla meningite

E' il primo bambino non vaccinato che muore per meningite negli ultimi due anni in Toscana. Nuovo appello della Regione: "Vaccinatevi"



FIRENZE — Il piccolo di 22 mesi non ce l'ha fatta perché troppo aggressiva l'infezione che lo ha attaccato. La febbre alta, la corsa verso l'ospedale di Lucca, ieri sera, poi il trasporto d'urgenza all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze, ma dopo qualche ora dal suo ricovero è morto. Responso: sepsi da meningococco di tipo "C".

Il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Walter Ricciardi, ha sottolineato come la vaccinazione sia fondamentale anche perché, in caso di infezione da meningococco, attenua comunque la gravità della patologia. Secondo Ricciardi "In questo momento non vaccinare i bambini in Toscana contro la meningite è da irresponsabili".

Il piccolo morto per meningite avrebbe dovuto essere vaccinato circa un anno fa, quando aveva 12 mesi.

"E per questo era stato chiamato e richiamato dalla Asl. Se fosse stato vaccinato avrebbe avuto più anticorpi per combattere l'infezione e, probabilmente, le cose potevano andare diversamente", ha spiega Chiara Azzari, responsabile del Centro di immunologia pediatrica dell'ospedale fiorentino. 

"Non ho informazioni - continua il medico - sul perché il bambino, alla fine, non sia stato vaccinato. Ma nei casi che abbiamo avuto i bambini vaccinati che hanno contratto il virus, con una carica virale simile allo sfortunato bimbo, ce l'hanno fatta. Abbiamo avuto un solo decesso tra i vaccinati: un ragazzo di 13 anni che era stato immunizzato molti anni prima e non aveva fatto il richiamo", necessario per garantire la presenza di anticorpi.

Con la morte del bambino in Toscana salgono a 7 le morti per meningite da meningococco C nel 2016. Proprio ieri l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi aveva annunciato tutte le nuove misure messe in atto dalla Regione per contrastare la diffusione del meningococco C. 

Tra queste, la delibera che modifica il calendario vaccinale, portando a tre le dosi di vaccino per i bambini: la prima fra il 15° e il 13° mese, la seconda tra 6 e 9 anni, la terza a 13 anni compiuti. Il bambino morto stanotte non era stato vaccinato.

"Sono profondamente addolorata per la morte di questo bambino - ha detto Stefania Saccardi - ed esprimo la mia vicinanza alla famiglia. Purtroppo, il bambino non era vaccinato. Proprio ieri, presentando le nuove misure della Regione contro il meningococco C, avevo ribadito l'importanza del vaccino, davvero l'unico mezzo per proteggersi dalla diffusione di questo batterio particolarmente aggressivo. Dopo questa morte, rinnovo ancora una volta il mio appello e invito i genitori a rispettare il calendario vaccinale e a fare ai loro figli tutte le vaccinazioni necessarie. E anche gli adulti a vaccinarsi contro il meningococco C".

I dati della meningite in Toscana:

Dall'inizio del 2015 ad oggi, in Toscana sono 60 i casi di meningite da meningococco C: 31 nel 2015, 29 nel 2016.

Nel 2015, i casi di meningite notificati sono stati complessivamente 38: 31 da meningococco C, 6 B, 1 W, 1 non noto.

Nel 2016, ad oggi i casi notificati sono 38: 29 di ceppo C, 6 B, 1 W, 1 X, 1 non tipizzabile. Tra questi, non sono compresi i casi di meningite pneumococcica, patologia che non può essere messa in relazione con i casi di meningite di tipo B o C registrati negli ultimi mesi in Toscana.

Nel 2015 sono decedute 7 persone: 6 che avevano contratto il ceppo C e 1 per il ceppo B.

Nel 2016 sono decedute 7 persone, tutte per il ceppo C.

Dall'inizio della campagna vaccinale straordinaria (fine aprile 2015) al 30 novembre 2016, sono state somministrate in totale 735.865 vaccinazioni: 198.731 nella fascia di età 11-20 anni; 333.369 nella fascia 20-45; 203.765 dai 45 anni in su.

Al 30 novembre, risulta che abbia aderito il 77 per cento dei pediatri di famiglia e l'86 per cento dei medici di medicina generale.

Per quanto riguarda i nuovi nati (che non rientrano nella campagna straordinaria di vaccinazione), a 24 mesi di età (quindi nati nel 2013) risulta una copertura del 91 per cento.



Tag

La moral suasion di Giorgia Meloni alla platea di Atreju per evitare i fischi a Conte

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità