Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18° 
Domani 17° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 16 ottobre 2019

Politica martedì 17 settembre 2019 ore 16:30

Pd, in Consiglio regionale nessuno segue Renzi

il gruppo Pd in Consiglio regionale

Per ora nessuno degli eletti fra le fila dei dem nel Palazzo del Pegaso sembra intenzionato ad aderire al nuovo partito annunciato dell'ex premier



FIRENZE — Il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani resta nel Pd e con lui il capogruppo nel Palazzo del Pegaso Leonardo Marras. Insieme ad Antonio Mazzeo e, dai primi riscontri, a tutti gli altri colleghi eletti nella fila dei dem. Certo, la situazione è in piena evoluzione e una scissione è un evento talmente drammatico che ogni eventuale decisione va ponderata con calma. Soprattutto considerando che fra meno di un anno si torna a votare anche in Toscana per le regionali 2020. E aderire a un partito nuovo di zecca, seppure fondato da Matteo Renzi, non dà - al momento - alcuna garanzia anche in termini di ricandidatura e rielezione. E così il gruppone del Pd resta compatto. 

"Renzi è un grande ma non condivido la sua scelta - ha dichiarato Marras - Non rinuncio a costruire il campo che serve agli italiani a rappresentare chi ha più bisogno, di farlo insieme a chi lavora e a chi produce, per offrire soluzioni, combattere le disuguaglianze e immaginarsi una società più giusta. La fatica di ritrovarsi su un punto da posizione diverse, in politica, va fatta tutta".

"Matteo Renzi è stata la persona che più di tutte mi ha fatto credere che fosse possibile impegnarsi in prima persona per provare a cambiare - ha detto un altro renziano della prima ora, il consigliere regionale Antonio Mazzeo - Oggi Renzi sceglie di continuare il suo percorso con un altro soggetto politico, una scelta che rispetto ma che non condivido perchè fallisce il progetto di riunire tutti i riformisti sotto un'unica casa. Da oggi si apre quindi una fase nuova e non so chi prenderà l'una o l'altra strada ma di certo la stagione degli alibi è finita e mi auguro che possa esserci il rispetto delle scelte di tutti. Il nostro avversario era e resterà la destra".



Tag

Renzi e Salvini d'accordo su Raggi: «Vada a casa»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca