Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 19 novembre 2019

Politica giovedì 26 settembre 2019 ore 17:00

Regionali, il centrodestra punta su Vivarelli Colonna

Antonfrancesco Vivarelli Colonna, foto da Facebook

Pressing sul sindaco di Grosseto per schierarlo in campo come candidato alla presidenza della Regione Toscana alle elezioni 2020. Con l'ok di Salvini



FIRENZE — Il sindaco di Grosseto Antonfrancesco Vivarelli Colonna, 50 anni, fiorentino di nobile famiglia e maremmano d'adozione,  imprenditore agricolo per scelta, potrebbe essere il candidato della coalizione del centrodestra alla presidenza della Regione Toscana alle regionali del 2020. 

Il suo nome è stato sempre presente nelle liste dei papabili alla candidatura ma sempre dopo altri personaggi più noti e accreditati come il giornalista di Mediaset Paolo Del Debbio, e soprattutto senza particolari manifestazioni di entusiasmo da parte del diretto interessato che, in passato, ha colto ogni occasione per ribadire quanto ami Grosseto e quanto gli piaccia fare il sindaco.

Oggi, anche per placare voci e illazioni che si rincorrevano da giorni dopo un incontro con Matteo Salvini in persona, Vivarelli Colonna ha pubblicato un lungo post su Facebook in cui si rende disponibile ad accettare la sfida elettorale del 2020, qualora la coalizione che lo sostiene anche in Comune gli chieda di scendere in campo come candidato governatore.

"Il fatto che molti mi vogliano candidato non vuol dire automaticamente che io lo sia, fate bene attenzione - ha scritto Vivarelli Colonna su Fb -  Tra l’altro, sono molti i sindaci del centrodestra che stanno facendo e stanno facendo bene. Molto bene. Tanti hanno un ottimo curriculum. Non voglio pensare che, dietro a quei rumors, ci siano sinistri movimenti per dividere la nostra solidissima squadra, per minimizzare i successi che abbiamo raccolto, per seminare zizzania dentro un gruppo di lavoro che è coeso e che - incredibile a dirsi nella politica di oggi - si vuole bene".

"Un gruppo di lavoro che, ovviamente, si deve confrontare con la politica a vari livelli - prosege il sindaco - E' normale, quindi, che io incontri i leader nazionali, che parli con loro dei problemi della mia città, così come faccio con tanti esponenti politici, visto che amo il mio lavoro".

"Amministrare la Cosa pubblica è un sacrificio personale che si può fare solo per amore. Solo se ci si crede veramente - conclude Vivarelli Colonna - Io credo in Grosseto, credo nella mia squadra. Non sono slogan, non è retorica: io ci credo veramente.
Io credo nella democrazia: farò quello che è necessario, quello che la mia coalizione, i partiti che mi sostengono e, soprattutto, la mia gente mi chiederà di fare".

Antonfrancesco Vivarelli Colonna è sposato con la signora Lucia e ha una figlia, Beatrice. Dopo gli studi alla Scuola per interpreti e traduttori di Pisa e all’Accademia Navale di Livorno, ha lavorato come traduttore e poi come ufficiale di complemento nel Reggimento Piemonte Cavalleria di Trieste. Nel 1998 ha lasciato la carriera militare per prendere le redini dell’azienda di famiglia in Maremma, impegnandosi negli anni successivi anche nella vita associativa come presidente toscano e delegato nazionale di Confagricoltura. 

Nel 2016 è stato eletto sindaco di Grosseto, al secondo turno, con il 54,6 per cento dei voti e il sostegno di una coalizione formata dalle tre liste civiche Vivarelli Colonna Sindaco, Prima Grosseto e Maremma Migliore e da Lega Nord, Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale, Forza Italia, Udc e Movimento autonomo toscano. 



Tag

Caso Cucchi, Gabrielli: «Chi ha offeso dovrebbe chiedere scusa»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità