Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi -3°2° 
Domani -3°3° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 12 dicembre 2019

Politica sabato 05 gennaio 2019 ore 17:50

Rossi e Salvini scontro sul decreto sicurezza

Enrico Rossi e Matteo Salvini

Il vicepremier ha criticato la decisione del presidente toscano di ricorrere alla Corte Costituzionale. Risposta: "Confrontiamoci in pubblico"



FIRENZE — La notizia della decisione annunciata dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi di fare ricorso alla Corte Costituzionale contro il provvedimento di legge del governo noto come "decreto sicurezza" è arrivata subito al ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini. Il ministro già nei giorni scorsi si era espresso duramente contro i sindaci che avevano criticato la legge, tra questi il primo cittadino di Firenze Dario Nardella.

"Ci sono 119mila toscani (pari a 53mila famiglie) in condizioni di povertà assoluta, si contanoquasi 22mila domande per ottenere una casa popolare in tutta la Regione, si registra una sanità criticata da medici e utenti per le liste d'attesa, i tagli e i turni di lavoro massacranti - ha detto Salvini - eppure il governatore Enrico Rossi straparla del Decreto sicurezza che dà più legalità, risorse e strumenti agliamministratori locali. Lui pensa ai clandestini, noi agli italiani". 

Rossi, di rimando, ha invitato il ministro dell'Interno a un confronto pubblico sul provvedimento. "Sia io che lei dovremmo certamente fare di più per le famiglie in condizioni di povertà assoluta e per il servizio sanitario. Ma vediamo se ha il coraggio di confrontarsi in pubblico, dove vuole e quando vuole, per dimostrare ai toscani e agli italiani cosa lei e cosa io abbiamo fatto fino ad ora per sostenere le persone in difficoltà e per la sanità pubblica".



Tag

Mes, Lucidi annuncia voto in dissenso, contestato dalla ex-M5s Nugnes e dai compagni di gruppo

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità