Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°26° 
Domani 15°26° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 22 ottobre 2019

Attualità lunedì 02 gennaio 2017 ore 06:30

Coro di condanne dopo la bomba

Solidarietà è stata espressa da tutto l'arco politico all'artificiere rimasto gravemente ferito dopo l'esplosione dell'ordigno a Firenze



FIRENZE — L'eco della bomba esplosa in via Leonardo da Vinci davanti alla libreria vicina agli ambienti di Casa Pound ha fatto sentire il suo rimbombo a livello nazionale, destando preoccupazione e soprattutto un comune moto di condanna nei confronti degli autori del gesto sulle cui tracce si è subito messa la polizia. 

Il ministro dell'interno Marco Minniti, contattato subito dal premier Paolo Gentiloni, ha bollato l'episodio come un "vile atto di violenza che va condannato con fermezza" e ha espresso "vicinanza e piena solidarietà all'artificiere della Polizia di Stato ferito mentre svolgeva il suo servizio". Anche la presidente della Camera Laura Boldrini ha fatto sentire la propria voce attraverso un tweet dicendosi "vicina all'artificiere della polizia di Stato ferito e mutilato a Firenze nell'esplosione di un ordigno. Condanna per atto violento". Maria Elena Boschi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, ha chiamato subito il capo della Polizia Franco Gabrielli per informarsi delle condizioni dell'artificiere rimasto ferito nell'esplosione dell''ordigno, a Firenze, facendogli gli auguri di una pronta guarigione. 

Il Sottosegretario di Stato alla Difesa Domenico Rossi, in un comunicato, ha condannato l'esplosione dell'ordigno definendolo "un vile attacco che va condannato con fermezza". Il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri ha detto a sua volta: "Esprimo tutta la mia vicinanza all''artificiere rimasto gravemente ferito questa notte durante una delicata operazione di disinnesco di un ordigno artigianale lasciato di fronte ad una libreria di Firenze ed a tutta la Polizia di Stato. Mi auguro che l'agente ferito possa tornare al più presto ad avere una vita normale e che gli autori del gesto vengano individuati e processati per il male che hanno portato".

Solidarietà è stata espressa anche da Matteo Colaninno Andrea De Maria del Pd.

Riccardo Nencini, segretario del Psi ha detto: "Brutto clima quando si usano le bombe contro obiettivi politici. Non è politica, è'' terrorismo, e va condannato senza tentennamenti''. 

"Piena solidarietà al lavoratore delle forze dell''ordine, e alla polizia, per quanto avvenuto oggi a Firenze. Quanto successo è inaccettabile, un pessimo inizio d''anno. Siamo e saremo vicini al lavoratore ed alla sua famiglia. Auguriamo buon lavoro alle forze dell''ordine nella ricerca dei responsabili". Questo il messaggio di solidarietà della senatrice di Sinistra Italiana Alessia Petraglia.

A usare la parola 'terrorismo' anche il deputato di Ala-Scelta civica Massimo Parisi: "Un atto criminale ai limiti del terrorismo politico che merita una condanna senza alcun distinguo relativo all'obiettivo dell'attentato. Solidarietà e auguri di pronta ripresa all'agente ferito e alla Polizia tutta". 

"Siamo vicini all'agente della polizia ferito a Firenze per lo scoppio dell''ordigno davanti a una libreria. Le forze dell''ordine ci difendono quotidianamente a rischio della loro incolumità: per questo a loro va tutta la nostra riconoscenza. Ad ogni modo auspichiamo che si tratti di un episodio isolato, che si faccia luce sull'accaduto e si individui il colpevole". A dirlo è stata Valentina Castaldini, portavoce nazionale del Nuovo Centrodestra.

Durissima la condanna di Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia su facebook: "Un poliziotto ha perso l'occhio destro e la mano sinistra per colpa di qualche imbecille criminale che a Capodanno non ha avuto niente di meglio da fare che piazzare una bomba a Firenze davanti ad un libreria di Casa Pound. Se quella bomba fosse scoppiata accanto a dei passanti avrebbe causato danni ancora più gravi. Piena solidarietà all'agente ferito e alla sua famiglia. Disprezzo totale per i dinosauri politici che ancora giocano a fare i bombaroli per affermare le proprie ideologie". 

Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia: "Solidarietà all'artificiere che ha perso mano e occhio causa bomba Firenze. Mettere colpevoli in carcere e buttare la chiave #stoconledivise". Per Mariastella Gelimini, vicecapogruppo vicario di Forza Italia alla Camera, "questo giorno di festa un ringraziamento speciale a tutte le forze dell'ordine che, nonostante le poche risorse e le tante difficoltà, operano sempre al meglio per proteggerci e garantire la nostra sicurezza. Oggi a Firenze è stato sventata quella che sarebbe potuta trasformarsi in una strage. Un pensiero particolare all''agente che nel tentare di disinnescare l''ordigno esplosivo è rimasto gravemente ferito". "L'Italia, la Toscana e la città di Firenze hanno un infinito debito di riconoscenza nei confronti della Digos e dell'agente di polizia che questa mattina, nel tentativo di disinnescare una bomba, ha messo a grave rischio la propria vita e la propria incolumità. Preghiamo per lui ed esprimiamo ai suoi famigliari, ai suoi colleghi e a tutta la Polizia, la nostra gratitudine, la nostra vicinanza e la nostra solidarietà in questo momento così difficile", ha poi detto Deborah Bergamini, deputata toscana e responsabile comunicazione di Forza Italia. 

A livello regionale, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi  ha subito condannato l'episodio. Per i consiglieri comunali e di quartiere di Sinistra Italiana, Firenze a Sinistra e Rifondazione comunista, "non poteva esserci peggiore avvio dell''anno a Firenze dove una bomba è stata scoppiata di fronte ad una libreria riconducibile agli ambienti politici di Casapound". "Una bomba fatta detonare mentre un agente della Polizia a cui va la nostra vicinanza e solidarietà per quando accaduto stava cercando di disinnescarla. Questo attacco indipendentemente dal soggetto a cui era rivolto, dal quale ci distinguono valori, principi e battaglie e ai quali ribadiamo che la Medaglia d'oro alla Resistenza e l'antifascismo della Città di Firenze non potranno mai venire meno, ci preoccupa per il clima in città. Non è mettendo a rischio la vita del personale delle Forze dell''ordine o chiunque cittadino fosse passato per strada che si combatte il riaffiorare di nostalgici fascisti o chi la pensa diversamente e vorrebbe sopprimere con la forza qualsiasi protesta ma è solo culturalmente che si dimostra la forza delle proprie idee e delle proprie battaglie".

Andrea Quartini, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle ha detto: "L'ordigno, utilizzato per colpire una libreria vicina a Casa Pound, ha ferito gravemente un agente di polizia che stava cercando di disinnescarlo. A lui, ai suoi colleghi e alla sua famiglia vanno la piena e totale solidarietà del Movimento 5 Stelle della Toscana: non c'è niente di più vile di un attentato che coinvolga innocenti o forze dell''ordine che agiscono nel rispetto delle proprie funzioni e della propria missione istituzionale".



Tag

Myrta Merlino a Matteo Salvini: «Le offro una camomilla...», «Solo se non è zuccherata, sennò la tassano»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca