FIRENZE
Oggi 10°28° 
Domani 13°23° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 30 settembre 2016

Cronaca mercoledì 02 marzo 2016 ore 18:46

Uccise la compagna, pena ridotta

In primo grado la corte d'assise aveva condannato Sergio Bertini a 30 anni di carcere. Dopo l'omicidio, l'uomo gettò il cadavere in un dirupo

GROSSETO — Pena ridotta a 19 anni di carcere per Sergio Bertini, accusato di aver strangolato la sua compagna e poi di aver cercato di nascondere il cadavere gettandolo in una scarpata all'Argentario. Il corpo, poi, venne scoperto per caso da alcuni cacciatori.

La decisione della riduzione della pena è stata assunta dalla seconda sezione della corte di assise di appello di Firenze che ha riformato la condanna di primo grado. L'uomo, un tecnico informatico di 50 anni di Grosseto, è in carcere a Grosseto dall'ottobre del 2013. 

In primo grado la corte d'assise aveva condannato Bertini a 30 anni per omicidio volontario pluriaggravato con premeditazione, occultamento di cadavere e abuso di relazioni domestiche. 

Era stato proprio Bertini a denunciare alla trasmissione Chi l'ha visto? la scomparsa della compagna Irina Meyntser. Nel corso delle indagini è crollato e ha confessato.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca