Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°30° 
Domani 19°31° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 19 agosto 2019

Attualità mercoledì 23 settembre 2015 ore 17:10

I consiglieri Pd incontrano i rifugiati

Sabato prossimo ogni membro del gruppo in Consiglio si recherà in una struttura che ospita i migranti, per raccontare il modello toscano dall'interno



FIRENZE — L'hashtag scelto dal gruppo per raccontare questa iniziativa è emblematico: #lacosagiusta. Nel senso che i consiglieri democratici intendono fare la propria parte, raccontando dall'interno il sistema d'accoglienza che ha reso la Toscana un modello.

Una giornata per visitare strutture del volontariato e della cooperazione sociale, per incontrare uomini e donne che fuggono da guerre e fame, troppo spesso rappresentati come numeri e non come persone.
"Non è la prima volta che ci troviamo a gestire l'arrivo di migliaia di persone che scappano da guerre e violenze – ha detto il capogruppo Leonardo Marras, che ha presentato l'iniziativa insieme al consigliere Francesco Gazzetti -. La Toscana, da subito, ha scelto di applicare un modello specifico di accoglienza, quella diffusa, perché solo attraverso i piccoli centri e l'ospitalità ripartita in gruppi ristretti si riesce dare una risposta adeguata alle necessità, primarie e di integrazione, dei migranti. Siamo di fronte ad una strage continua nei nostri mari che l'Europa ha iniziato ad affrontare, non senza problemi, solo qualche settimana fa. E siamo di fronte a migliaia di storie, una diversa dall'altra, ma accomunate dalla speranza nel presente e nel futuro. Per questo come gruppo PD abbiamo deciso di fare “la cosa giusta”, andando ad incontrare i rifugiati nelle strutture che li ospitano, raccontando le loro storie e il modello toscano di accoglienza. Anche le paure, dove ci sono, si possono risolvere con la conoscenza e speriamo, in questo senso, di poter dare il nostro contributo".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità