Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 25 marzo 2019

Attualità sabato 21 novembre 2015 ore 18:24

"Una macroregione con i conti a posto"

Siglato il patto del Sagrantino tra i presidenti di Umbria, Marche e Toscana. Obiettivi: avere un'unica centrale acquisti e la cogestione dei fondi Ue



PERUGIA — E' stato un brindisi all'insegna del vino rosso locale all'ora di pranzo a sancire la nascita dell'Italia di Mezzo. O meglio, il primo step per la sua costituzione. 

Il governatore Enrico Rossi ha infatti ribadito un concetto già espresso in passato. "Venti regioni - ha detto - in Italia penso che oggi siano troppe". Da qui il primo degli obiettivi. "Si potrebbe da subito dar vita ad un'unica centrale acquisti per la sanità - secondo Rossi - siamo Regioni con i conti a posto".

Il punto di partenza è proprio questo: i conti a posto. Da lì discende tutto quanto. "Anche sull'agenda digitale- ha aggiunto il governatore toscano - i vantaggi potrebbero essere immediati. Un piano unico per la banda ultr a larga tra Umbria, Toscana e Marche ha evidentemente un peso diverso".

Tutti concordi dunque anche perché i numeri permettono di partire subito. "Una macroregione da oltre sei milioni di abitanti, il 10 per cento di tutta Italia e con il 12 % del Pil nazionale - si legge nella nota -. I tre presidenti si sono impegnati a presentare subito a gennaio, dopo l'approvazione dei bilanci, un documento ai rispettivi consigli regionali. Un testo breve, ma chiaro".

ENRICO ROSSI SU ITALIA DI MEZZO - dichiarazione
LUCA CERISCIOLI SU ITALIA DI MEZZO - dichiarazione


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca