Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 20°30° 
Domani 21°31° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 24 giugno 2019

Attualità lunedì 18 maggio 2015 ore 14:09

Infrastrutture, un piano da 3,4 miliardi

Servizio di Tommaso Tafi

Il governo ha finanziato opere strategiche fino al 2022: dagli aeroporti alla Tirrenica, dalla Due mari alla Tramvia. E poi la riforma dei porti



FIRENZE — Sono 28 le opere infrastrutturali di cui beneficerà la Toscana e la cui realizzazione è stata finanziata in questo primo anno di governo Renzi.

Da quelle considerate grandi, ovvero la Tirrenica, la Due mari, il potenziamento dell'aeroporto di Peretola e quello del porto di Livorno. A quelle collaterali, come la realizzazione del parcheggio scambiatore di Villa Costanza a Scandicci, utile agli automobilisti in arrivo dall'autostrada per abbandonare i loro mezzi e prendere la tramvia

Nel mezzo poi c'è tutto il capitolo della tratte locali sia ferroviarie, come la Pistoia Lucca, sia stradali, come la Siena - Grosseto. "Sono tutte opere strategiche - ha detto il viceministro alle Infrastrutture Riccardo Nencini, che ha presentato a Firenze il pacchetto di interventi - che verranno realizzate nei prossimi anni nel rispetto dei tempi previsti. E questa è la vera novità".

Nencini è certo di questo ultimo punto soprattutto perchè entro fine anno entrerà in vigore il nuovo codice degli appalti, che l'Unione europea ci ha chiesto con forza, e che tra le altre cose impone il rispetto delle scadenze.

"Domani si farà un primo passo - ha detto Nencini - il testo della lecce approderà in commissione al Senato".

Ultimo capitolo quello dei porti: entro giugno sarà pronto il piano per la riforma delle autorità portuali. Ora sono 24, ma si pensa a una riduzione e a un frazionamento della penisola in distretti, coordinati da una cabina di regia unica.

Nencini su infrastrutture toscane - Video


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca