Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi -3°10° 
Domani -6°8° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 10 dicembre 2018

Attualità sabato 07 aprile 2018 ore 14:52

Italia Nostra contro la nuova "variante-disastro"

L'associazione scrive al sindaco Nardella per contestare una variante al regolamento urbanistico: "Lascerà mani libere alla speculazione immobiliare"



FIRENZE — Italia Nostra lo definisce "un caso unico in Italia ovvero un disastro annunciato di degenerazione urbana": il riferimento è a una variante al regolamento urbanistico in corso di approvazione  da parte del Comune che, secondo l'associazione ambientalista, potrebbe finire per rendere inefficace "il dettato dell'articolo 9 della Costituzione", ovvero quello sulla tutela del patrimonio inteso sia come paesaggio che come beni culturali. 

"Da tanti decenni - scrive in una nota il presidente Leonardo Rombai - finora mai era stato messo in discussione il principio della tutela dell'edificato storico."

"A Firenze, l'amministrazione comunale intende presto approvare una variante all'art. 13 del Regolamento Urbanistico decantata, grottescamente, come strumento innovativo di rigenerazione urbana - si legge nella nota di Italia Nostra - Invece la variante lascerà mani libere alla speculazione immobiliare che, da tempo, sta trasformando il centro storico da città dei cittadini, con la sua tradizionale vita produttiva e socio-culturale, in location e dormitorio a servizio di un turismo internazionale di massa, sempre più carente in fatto di motivazioni culturali e sociali specificamente riferite alla storia e al presente della città".

"In macroscopico contrasto e in stridente incompatibilità con lo status di patrimonio dell'umanità Unesco,  oltre che con le prescrizioni del vigente Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio  e con la prassi consolidata, alla scala internazionale, che consacra il restauro conservativo come il metodo di intervento più indicato per le città storiche - prosegue Italia Nostra - la detta Variante abolisce, infatti, l'obbligo del restauro conservativo sugli edifici storici, pubblici e privati. Con ciò, il Comune si sottrae anche all'obbligo costituzionale primario di dettare la disciplina dell'utilizzo del territorio e delle trasformazioni e dell'uso di ogni immobile guardando all'interesse generale".

"Se questo vero e proprio attentato ai princìpi della tutela venisse approvato - si legge ancora nella nota dell'associazione - la salvaguardia delle architetture storiche, ma solo per i monumenti vincolati, resterebbe infatti compito esclusivo della Soprintendenza, purtroppo sempre più in difficoltà a svolgere le mansioni che le competono per carenza di personale e di mezzi. A variante approvata, in luogo del restauro scatterà la “ristrutturazione edilizia” su quasi metà dell'edificato storico del territorio comunale, da farsi praticamente senza regole: si lascia la più ampia libertà nelle opere di trasformazione e si arriva a prevedere anche la demolizione e la ricostruzione delle architetture in forme diverse da quelle originarie. Il tutto, per attirare – con la deregulation, che tra l'altro rende più appetibili i tanti contenitori edilizi militari e statali in vendita – investitori e parassiti della rendita da ogni parte del mondo e per dilatare la già ben avviata espulsione dei cittadini residenti a vantaggio dell'ospitalità del turismo mordi e fuggi che sta prendendo d'assalto le città d'arte italiane, Firenze compresa. Per tutti questi motivi, in data odierna abbiamo inviato una lettera al sindaco di Firenze".

Qui sotto la lettera di Italia Nostra al sindaco Dario Nardella.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Cronaca

Cronaca