Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 22°32° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 22 luglio 2019

Attualità venerdì 30 maggio 2014 ore 10:18

La Concordia sarà demolita nel porto di Genova

Enrico Rossi - dichiarazione su Concordia a Genova

Ad anticipare la notizia il Sole 24 ore. Rigalleggiamento fissato da Costa e Titan Micoperi per il 20 luglio. Ma il governatore Rossi smentisce



ISOLA DEL GIGLIO — ''Qualche settimana il Sole 24 ore annuncio' che la Concordia sarebbe stata portata via dalla Vanguard - ha dichiarato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi - Poi quell'ipotesi è stata accantonata. Adesso salta fuori il porto di Genova. Ma questa è la soluzione proposta dalla Costa che pero', prima di procedere, avrà bisogno di qualche autorizzazione. E faccio notare che far navigare per quattro giorni un relitto del genere fra il Giglio e Genova è molto rischioso. Per noi la soluzione ottimale resta Piombino. Dove i lavori per l'adeguamento del porto vanno avanti''.

Guarda qui sopra il video con la dichiarazione di Rossi contro la Concordia a Genova

Dal canto il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando ha replicato annunciando che di essere stato invitato alla conferenza dei servizi convocata a Roma dal governo per decidere la destinazione finale della Concordia. ''Insieme a noi sono stati invitati il Comune di Genova e l'Autorità portuale - ha detto Burlando - e questo mi sembra un dato indicativo, vuol dire che siamo in gioco''.

''Non credo che ci abbiano invitati in conferenza dei servizi per fare un giro di piacere ma per valutare un progetto che riguarda la nostra realtà - ha aggiunto il presidente dell'autorità portuale genovese, Luigi Merlo - Noi abbiamo lavorato seriamente e siamo pronti a questa eventualità: il nostro porto è adeguato senza spendere un euro e sono presenti tutti i servizi tecnici e nautici necessari, con tutte le certificazioni''.

Il naufragio della Costa Concordia avvenne il 13 gennaio 2012 e nella tragedia morirono 32 persone.

Il tratto di mare che il relitto dovrebbe attraversare nelle prossime settimane fra il Giglio e Genova è di 150 miglia e per coprirlo non sarebbe  necessaria la Vanguard, la piattaforma olandese che avrebbe dovuto inglobare la Concordia e trasportarla fino a un porto finale al di fuori dell'Italia.

Sempre secondo il Sole 24 ore, una volta rimorchiato il transatlantico fino a Genova, le operazioni di smantellamento sarebbero effettuate dai gruppi San Giorgio, Mariotti e Saipem in collaborazione con la locale autorità portuale.

La conferenza dei servizi che si pronuncerà in via definitiva sul porto finale dovrà riunirsi entro il 16 giugno. 

La soluzione di Genova proposta dalla Costa asseconda la volontà delle istituzioni italiane di concludere l'operazione Concordia in Italia anche se i costi a carico dell'armatore raddoppieranno rispetto a quelli preventivati da altri porti stranieri in Turchia e in India (si parla di 100 milioni di euro circa contro 40). 

«Se le indiscrezioni di stampa che indicano in Genova la destinazione finale della Costa Concordia saranno confermate saremmo di fronte a una sconfitta per la Toscana intera che aveva scommesso e investito sulla scelta di Piombino -  ha commentato il vicepresidente della commissione Attività produttive del Consiglio regionale Nicola Nascosti (Forza Italia) - Ci sono ancora alcuni giorni di tempo per poter agire a livello istituzionale prima che venga presa una decisione definitiva: il Governo si muova e si occupi della questione. Ne va del futuro dell’economia toscana e, conseguentemente, di migliaia di lavoratori».



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca