comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 01 aprile 2020
corriere tv
Coronavirus, Capua: «Il test sierologico è il più adeguato per capire chi e quando può pensare a una ripartenza»

Lavoro sabato 08 febbraio 2020 ore 11:08

"Coronavirus, a rischio 5 milioni di esportazioni"

Monito di Coldiretti Lucca: "Toscana esporta complessivamente 40 milioni. Mercato cinese interessante, tuttavia è solo il 6 per cento dell'export"



LUCCA — "Il Coronavirus mette a rischio quasi 5 milioni di euro di esportazioni di prodotti agroalimentari della Provincia di Lucca". Il monito è arrivato da Coldiretti sulla base dei dati Istat

La Cina è uno dei mercati più interessanti ed in crescita che rischia un forte stop a causa del clima recessivo provocato dall’emergenza Coronavirus. 

“C’è preoccupazione – ha spiegato Andrea Elmi, presidente Coldiretti Lucca – ed è abbastanza normale vista la situazione generale. La Cina rappresenta senza dubbio un mercato interessante e di grande prospettiva per il nostro olio, vino, formaggi ed altri prodotti della nostra filiera agroalimentare ma allo stato attuale rappresenta poco meno del 6 per cento del totale di esportazioni di food complessive, in tutto il mondo, che sono circa 78 milioni di euro. Il nostro export di prodotti alimentari non dipende dalla Cina ma l’escalation di una situazione di incertezza prolungata può mettere in crisi il sistema regionale di esportazioni verso quel paese che si aggira intorno ai 40 milioni di euro”.

A pagare un conto salato rischia di essere dunque il Made in Italy a tavola con il vino che è il prodotto tricolore più esportato in Cina per un valore stimato dalla Coldiretti in 140 milioni di euro nel 2019 a livello nazionale

Ma anche l’olio extravergine, simbolo della dieta Mediterranea, che in provincia di Lucca è tra i principali comparti. “In questa fase possiamo solo attendere e monitorare l’evolversi della situazione. – ha aggiunto Elmi – Un paese gigante come la Cina che si ferma è un mercato che non consuma più, milioni di consumatori in meno che amano i nostri prodotti. Ma è anche un mercato che sul fronte turistico ha già subito uno stop. E questo è l’altro elemento da attenzionare per una provincia ed una regione dove il turismo dalla Cina è molto forte ed importante”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità