Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18° 
Domani 23° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 24 marzo 2019

Attualità sabato 12 gennaio 2019 ore 09:45

Alla ricerca di fossili nel deserto del Perù

Dodici studenti dell'università di Pisa e i loro professori sono in procinto di partire per trascorrere dieci giorni nel deserto di Ica



PISA — Dodici studenti del dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Pisa si stanno preparando a una lezione fuori sede molto particolare: nella seconda metà di gennaio trascorreranno dieci giorni nel deserto peruviano della regione di Ica, non lontano dalle famose linee di Nazca, uno dei giacimenti paleontologici più importanti a livello mondiale. Undici studenti, Alice Belluzzo, Laura Bronzo, Guglielmo Di Stefano, Alessandro Favaroni, Raffaele Gazzola, Giacomo Gazzurra, Pietro Giacomini, Amedeo Martella, Marco Merella, Leonardo Nicodemi e Lorenzo Porta, frequentano il corso magistrale in Scienze e tecnologie geologiche, mentre Sara Citron è iscritta a quello in Conservazione ed evoluzione.

Tutti sono stati selezionati, fra le oltre quaranta domande presentate, sulla base di una serie di parametri che tenevano conto del percorso formativo sostenuto, delle capacità dimostrate ma anche della motivazione necessaria ad affrontare condizioni così differenti dalla vita studentesca. Per tutta la durata dell’escursione, infatti, i ragazzi dormiranno in tenda e condivideranno con i loro accompagnatori tutte le limitazioni della vita nel deserto.

Si prenderanno cura degli studenti, guidandoli passo passo nella loro avventura, Giovanni Bianucci, Alberto Collareta, Anna Gioncada, Giancarlo Molli e Giovanni Sarti, docenti del dipartimento di Scienze della Terra, affiancati da Giulia Bosio dell’Università di Milano Bicocca ed Elena Ghezzo dell’Università di Venezia, oltre che da Mario Urbina e altri paleontologi peruviani.

Questo team d’eccezione raccoglie molti dei membri di un gruppo di ricerca che da oltre dieci anni svolge un importante lavoro multidisciplinare in quest’area ubicata tra la costa meridionale del Perù e il margine occidentale della Catena Andina. Fra le loro scoperte molti reperti di eccezionale importanza come il Leviatano, il più grande predatore tetrapode marino del passato (la cui ricostruzione è esposta nel Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa a Calci), il Mistacodon, la più antica balena conosciuta, e molti altri fossili straordinari che fanno di questo luogo uno dei giacimenti paleontologici più importanti a livello mondiale.

Grazie a diversi progetti internazionali (National Geographic) e nazionali (Prin) e a due progetti finanziati dall’Università di Pisa (Pra), tutti coordinati dai ricercatori del dipartimento di Scienze della Terra, questo giacimento è diventato un vero e proprio laboratorio di studio multidisciplinare in svariati ambiti delle geoscienze. Le ricerche svolte hanno, inoltre, contribuito a fare del deserto di Ica un crocevia di giovani studenti e ricercatori: laureandi, dottorandi e borsisti vi fanno esperienza di campo e forniscono un contributo scientifico importante alle ricerche in corso.

L’iniziativa, coordinata da Giovanni Bianucci, è stata organizzata dal dipartimento di Scienze della Terra e interamente finanziata dall’Università di Pisa nell’ambito dei progetti speciali per la didattica. Oltre a quelli dell’Ateneo pisano, coinvolgerà anche studenti e docenti peruviani dell’Universidad Nacional Mayor de San Marcos (Lima).



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca