Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°20° 
Domani 15°26° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 16 settembre 2019

Attualità mercoledì 21 ottobre 2015 ore 17:07

Start cup, Pisa fa man bassa di premi

Ecco i primi classificati del contest tra università: un sistema di sorveglianza radar per i porti, l'internet delle cose e lo pneumatico intelligente



FIRENZE — Sono dieci gli imprenditori che hanno deciso di trasformare le ricerche fatte all'università in veri e propri prodotti pronti ad invadere il mercato e che si sono presentati allo Smart Cup, competizione organizzata dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, con le Università di Siena, Firenze, Pisa, Scuola Normale Superiore di Pisa e con il supporto finanziario della Regione Toscana.

Alla fine la giuria ha dovuto scegliere 3 progetti su cui verranno concentrate le risorse pubbliche e diventeranno vere e proprie imprese innovative. 

Il primo classificato è stato Echoes, un progetto dell'Università di Pisa che ha sviluppato sistemi che incrementano e rendono più efficace la sorveglianza portuale mediante l’utilizzo di sensori radar, con capacità di formazione di immagini elettromagnetiche a corto raggio.

Il secondo classificato è stato Things On Internet, anche questo nato da uno spin off dell'ateneo pisano. Si tratta di una serie di microcontrollori e sensori che interagisce sia con gli utilizzatori e l'ambiente circostante, con il supporto di infrastrutture cloud.

Al terzo posto si è piazzato invece SMART Tyre, progetto della Scuola Superiore Sant'Anna che ha realizzato un sistema integrato per monitorare lo stato di usura degli pneumatici e per avere un continuo “cruscotto” per controllare lo stato di sicurezza dell’auto, grazie a sensori innovativi.

Visto l'alto livello dei partecipanti in gara, la giuria ha deciso di premiare anche il quarto classificato. Anzi i quarti classificati. Ad aggiudicarsi la medaglia di legno in ex aequo sono stati Laborplay Srl dell'università di Firenze, che offre nuove soluzioni per valutare le risorse umane e in particolare le loro competenze “soft”, attraverso prodotti e servizi innovativi che prevedono elementi ludici e G999 esperienza che arriva da Prato, che ha realizzato macchine in grado di produrre tessuti triassiali attuando differenti tipologie di incrocio.

"Si rafforza la sinergia tra mondo della ricerca e del lavoro - ha commentato la vicepresidente della Regione, Monica Barni - che deve però essere ulteriormente favorita e potenziata".

MONICA BARNI SU START CUP
MARCO BELLANDI SU START CUP


Tag

L'entrata trionfale di Piero Angela al convegno con i guardiani di Star Wars: sorpresa e applausi dai presenti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca