Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13°21° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 18 ottobre 2019

Attualità mercoledì 26 novembre 2014 ore 11:44

Tagli in sanità, Monaci scrive ai revisori Asl

Lettera del presidente del consiglio regionale dopo l'annuncio della riforma voluta da Rossi. Mugnai (FI): "E' iniziata la battaglia dentro al Pd"



FIRENZE — Conoscere nel dettaglio l'impatto economico-finanziario ed organizzativo della riforma della sanità annunciata dal presidente Rossi "per garantire al consiglio regionale il miglior quadro informativo possibile per le valutazioni e le conseguenti decisioni sui processi riorganizzativi in oggetto".

E' questo, in sintesi, il senso della lettera che il presidente del consiglio regionale, Alberto Monaci, ha inviato il 24 novembre ai revisori dei conti delle Asl e delle aziende ospedaliero-universitarie della Toscana dopo gli annunci del presidente Rossi circa il taglio delle Asl e la riduzione del personale attraverso i prepensionamenti. A diffondere la missiva, il vicepresidente della commissione sanità Stefano Mugnai (Forza Italia) che ne dà una lettura decisamente polemica.

«Il Presidente del Consiglio regionale scrive ai revisori dei conti delle aziende sanitarie per invitarli a riferire a lui direttamente circa la riorganizzazione della sanità - scrive - Ciò dimostra come le truppe anti-Rossi interne al Pd si stiano organizzando per una battaglia a pallettoni. Ebbene, per i toscani non potrebbe esserci nulla di peggio di una riforma sanitaria improvvisata e per di più vittima delle lotte intestine al Pd. Sarebbe un’operazione folle».

Non solo. Mugnai punta infatti il dito anche sul fatto che «ancora la giunta non è stata in grado di produrre alcun atto che dia seguito agli annunci di riordino, taglio, accorpamento e contenimento proclamati da Rossi ormai qualche settimana fa ed è quindi chiaro che i tempi per un percorso serio di riorganizzazione non ci sono". 

Secondo l'esponente azzurro, insomma, "sarebbe da irresponsabili mettere mano a un sistema complesso e strategico come quello sanitario solo per l’approssimarsi della campagna elettorale, senza un serio approfondimento e solo all’insegna dell’improvvisazione come invece, stante il calendario, sembra essere l’intenzione di Rossi».

Dichairazione di Enrico Rossi del 30 ottobre sulla riforma della sanità toscana


Tag

Richard Gere a «Piazzapulita»: «Salvini vorrebbe che portassi i migranti a Hollywood? Se avessi un aereo privato, lo farei»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità