Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°26° 
Domani 15°22° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Attualità sabato 10 settembre 2016 ore 16:58

"Aree di crisi, ora tocca agli imprenditori"

La Uil Toscana chiede che tutti i soggetti coinvolti nelle aree di Livorno e Piombino agiscano dopo gli stanziamenti del governo



TOSCANA — La decisione riguarda i lavoratori toscani delle aree di crisi di Livorno e Piombino. Per chi ha perso o perderà i benefici della cassa integrazione o dell'Aspi, cioè l'assicurazione sociale per l'impiego nel corso del 2016 arriverà una quota dei 235 milioni stanziati a livello nazionale ed in grado di garantire loro 500 euro per 12 mensilità o il prolungamento della cassa integrazione.

“Dare un aiuto a chi ha perso il lavoro è un primo passo importante e necessario che non possiamo non salutare con favore. Ma è chiaro che non basta: serve un salto culturale da parte di tutti, a cominciare dagli imprenditori, per trasformarlo in speranza per il futuro”, ha detto il segretario generale della Uil Toscana, Francesca Cantini a proposito dello stanziamento di risorse deciso dal governo.

“Era ed è nostro dovere pensare a chi ha perso il lavoro affinché nessuno resti indietro - ha aggiunto Cantini - Per questo siamo felici che un provvedimento del genere arrivi in un momento difficile come questo e in zone in gravi difficoltà. Come Uil Toscana, siamo disponibili a metterci in gioco e a discutere con il presidente della Regione, il governo, i sindaci, le forze politiche, insomma con chiunque volesse confrontarsi davvero su questi temi e abbia a cuore la Toscana. La Uil non si tira indietro”.



Tag

Il premier Conte ad Atreju: «Mai frequentato il Pd e mai avuto la loro tessera»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità