Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:09 METEO:FIRENZE13°22°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Aliseo, «I libici hanno sparato sul peschereccio per uccidere»

Attualità mercoledì 13 gennaio 2021 ore 08:26

Sos allevatori per il bestiame sotto la neve

bovini nella neve

Ci sono difficoltà per raggiungere i capi allevati in altura, accudirli e nutrirli. Gli imprenditori spalano la neve anche da soli ma chiedono aiuto



ABETONE CUTIGLIANO — Difficoltà a raggiungere il bestiame allevato in altura, ad accudirlo e nutrirlo. Gli allevatori spalano la neve anche da soli, ma chiedono attenzione e aiuto per la sistemazione di strade e territorio rivendicando: "Siamo i custodi del territorio". Ad accendere i riflettori sui problemi delle economie agricole e zootecniche a seguito delle nevicate dei giorni scorsi, ma che imbiancano ancora la montagna pistoiese, è Coldiretti di Pistoia.

"Nonostante il miglioramento delle condizioni climatiche rimane delicata la situazione sulla montagna pistoiese. Il carico di neve su strade e strutture è ancora importante e, in alcuni casi, pericoloso. Con capacità e tenacia gli agricoltori stanno confermando il loro attaccamento al territorio, sopportando situazioni di disagio personale e prendendosi cura bovini, ovicaprini e suini che in gran numero sono allevati in altura", scrive l'associazione in una nota. 

“Gli imprenditori agricoli stanno facendo fronte alle esigenze degli animali allevati attingendo alle scorte di mangimi e spalando con i propri mezzi pezzi di strade per assicurarsi un minimo di agibilità - dichiara il direttore provinciale Simone Ciampoli che ha fatto visita ad alcune aziende agricole insieme a tecnici dell’associazione - e c’è necessità di tanto lavoro e mezzi per alleggerire dalla neve strade a strutture, recinzioni, impianti arborei, sistemazioni idrauliche e viabilità una volta sciolta la neve”.

“E' il momento di valorizzare il ruolo imprescindibile svolto da donne e uomini che insieme alle loro famiglie scelgono di vivere e lavorare sulle nostre montagne, non per una questione bucolica", sottolinea Ciampoli. "Gli agricoltori - prosegue - sono i custodi del territorio che viene manutenuto e su cui creano sviluppo economico e sociale. Costa di meno incentivare la loro presenza in montagna, avere uno spazzaneve in più che rimediare ai disastri di nevicate o eventi atmosferici estremi. La permanenza in montagna va premiata perché conviene a tutti: una montagna più popolata riduce senz’altro i costi nelle emergenze all’intera collettività”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il cadavere di un uomo è stato rinvenuto nei pressi della stazione di Empoli in un edificio dismesso. Indagini in corso da parte della polizia
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità