Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:57 METEO:FIRENZE20°34°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 29 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, Cesarini-Rodini oro nel canotaggio: la gioia e il tuffo in acqua

Cultura martedì 16 giugno 2015 ore 14:57

Antica anfora recuperata dall'abisso

L'ingegnere italo-svizzero Guido Gay ha recuperato il reperto a 440 metri di profondità, nelle acque fra l'isola di Capraia e la Gorgona



ARCIPELAGO TOSCANO — In questi ultimi anni nel mare della Toscana sono stati localizzati ed ispezionati otto siti di naufragi romani, in acque profonde da 300 a 500 metri.

L’autore di questi ritrovamenti, l’ultimo è del mese scorso, è l’ingegnere italo-svizzero Guido Gay, noto per avere scoperto nel 2012 il relitto della Corazzata Roma..

Il 9 Giugno scorso Gay ha esplorato con il suo catamarano Daedalus da diporto e ricerca un relitto già scoperto, detto Daedalus 17, e collocato sul fondo del mar Tirreno circa 20 miglia a nord della Capraia.

A bordo Pamela Gambogi, archeologa della Soprintendenza archeologia della Toscana e responsabile per il patrimonio culturale sommerso.

Il robot sottomarino Pluto Palla  è sceso sul fondo marino fino a 440 metri e ha raggiunto il relitto. Poi, sotto la direzione dell’archeologa, ha eseguito una ricognizione sul giacimento di anfore, agganciandone una per riportarla alla superficie a scopo di campionamento. Si tratta di un’anfora rodia di I secolo che apparentemente conservava ancora al suo interno parte del contenuto che trasportava, piccoli semi di cui si esaminerà la natura.

Nel complesso il carico del relitto romano è risultato composito e comprende anfore di varia provenienza: greche, fenice, ispaniche nonché una certa quantità di vasi per versare. Una storia di navigazioni e traffici di 2.000 anni fa, attraverso le rotte dell’Arcipelago toscano verso la Gallia, con merci di provenienza lontana.

"L’anfora si trova ora nel reparto restauro - si legge in una notta della Soprintendenza - Tutta l’operazione testimonia di una proficua collaborazione fra gli enti preposti e i privati con mezzi di avanzata tecnologia messi gratuitamente a disposizione, in questo caso da parte di un’ industria di ricerca sottomarina".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il cluster è scoppiato nel Chianti dopo i festeggiamenti di un matrimonio. Decine di persone in quarantena. A renderlo noto il sindaco Baroncelli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca