Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:00 METEO:FIRENZE12°19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Attualità mercoledì 26 settembre 2018 ore 15:30

"La città non è stata lasciata sola"

L'arcivescovo di Arezzo Riccardo Fontana

Il vescovo ai funerali di Filippo Bagni, morto insieme al collega Bruni per la fuga di gas all'Archivio di Stato, ha ringraziato il ministro Bonisoli



AREZZO — "Filippo era un buon cristiano senza straripare mai dai propri confini. Questa morte improvvisa deve invitarci tutti ad essere sempre pronti, silenzio, discrezione, senza ostentazione di sorta. Siamo lieti del sostegno del Governo e della presenza qui del signor ministro. La città non è stata lasciata sola". Così l'arcivescovo di Arezzo Riccardo Fontana ha aperto in cattedrale i funerali di Filippo Bagni, il dipendente dell'Archivio di Stato morto giovedì scorso con il collega Piero Bruni per asfissia da gas. 

Alla cerimonia funebre ha assistito il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli così come aveva fatto ieri per i funerali del collega Piero Bagni. Accanto a lui il sindaco Alessandro Ghinelli e il prefetto Anna Palombi

Il ministro è rimasto in silenzio annunciando una prossima visita ad Arezzo per fare il punto sulla vicenda.

"Filippo apriva la giornata sempre con la messa in cattedrale delle 7, salutava la Madonna del Conforto e il lunedì scambiava due parole sulla partita della sera prima - ha detto don Alvaro Bardelli che ogni giorno alle 7 celebrava la messa a cui assisteva Bagni -. Filippo era fiorentino ma ormai considerava Arezzo la sua città".

Don Bardelli ha ricordato che "il giorno in cui è avvenuto l'incidente io ero ancora qui e sono accorso per accompagnarlo e dare lui l'ultimo sacramento prima della scomparsa. Filippo e Piero ci hanno insegnato a vivere straordinariamente l'ordinario".

Il saluto finale è spettato al sindaco Alessandro Ghinelli a nome di tutta la città. "Ho dato un libro di Arezzo al ministro Bonisoli che ringrazio per la presenza perché non dimentichi quanto accaduto - ha detto -. La città è a lutto, ogni attività inizierà con un minuto di silenzio. Invito tutti a non lasciare sole le famiglie".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Gravissimo incidente la notte scorsa, un ragazzo ha subito l'amputazione di entrambe le gambe. È ricoverato in prognosi riservata
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Franco Bonciani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità