Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE16°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 25 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lavrov all'Onu: «L'Occidente vuole smembrare e cancellare la Russia»

Attualità martedì 21 giugno 2016 ore 18:33

"La politica si occupi di Nuova Banca Etruria"

I responsabili sindacali aziendali lanciano l'appello: ora che anche le elezioni sono finite, è necessario lavorare per l'istituto di credito



AREZZO — Preoccupazione e rabbia nelle parole dei responsabili sindacali aziendali di Nuova Banca Etruria, Elisa Artusio (First Cisl), Maria Agueci (Fisac Cgil), Giovanni Dell'Aquila  (Uilca), Giovanni Lorito (Fabi). Il loro appello è per la politica e i politici.

"Anche i ballottaggi sono archiviati, quindi Arezzo ed i guai della Banca cittadina non sono più utilizzabili a fini elettorali. Ora ci aspettiamo che lor signori i politici: nazionali, regionali o locali che siano, provino ad occuparsi concretamente e non solo a parole di noi con la serietà che un dramma sociale di queste proporzioni richiede.

Fra pochi giorni - dicono i sindacati - arriverà un compratore, quasi sicuramente straniero, che vorremmo si approcciasse a questo territorio, alla sua banca e ai suoi dipendenti, con occhi e soprattutto orecchie sgombri dalle tante strumentalizzazioni di cui, fin dall'inizio, siamo stati oggetto. Tramite noi e le altre 3 banche compagne di sventura in quel tragico 22 novembre, la politica ha già dimostrato che il tanto famigerato bail-in non è, alla luce dei fatti, ulteriormente praticabile.

Dopo di noi, per salvare BPVI e Veneto Banca si sono dovuti inventare il Fondo Atlante - continua la  nota -  dopo di noi anche l'intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, per il recente salvataggio di Cassa di Risparmio di Cesena, Cassa San Miniato e Cassa di Risparmio di Rimini, è miracolosamente tornato a non essere “aiuto di Stato”.

Con il tanto atteso acquirente i Sindacati aziendali di Nuova Banca Etruria Spa non potranno confrontarsi se non a processo di vendita già concluso. Chiediamo che chi ha voce in capitolo rappresenti la nostra situazione per quella che veramente è, e non solo per come è stato conveniente farla apparire. 

Ricordiamo - dicono i sindacati - che Nuova Banca Etruria Spa, al fine di ridurre il costo del lavoro, ha già utilizzato ampiamente il fondo esuberi di settore, totalmente autofinanziato. Inoltre, i dipendenti hanno età ed inquadramenti molto bassi, a fronte di una professionalità universalmente riconosciuta, che ha consentito di mantenere, nonostante tutto, un importante e corretto rapporto di fiducia con la clientela.

La territorialità, da non confondere con la mera aretinità, è un valore da coltivare ed alimentare a beneficio delle economie locali. Tutto questo - continua la nota sindacale - passa necessariamente per il mantenimento del Centro Direzionale di via Calamandrei e per il rafforzamento della rete commerciale, attualmente sottodimensionata rispetto alle esigenze.

Visto che i lavoratori di Nuova Banca Etruria hanno già dimostrato grande responsabilità accollandosi enormi sacrifici, sia economici che professionali, per la sopravvivenza della Banca, ci aspettiamo che i politici, tutti, dimostrino altrettanta responsabilità, facendosi finalmente carico della positiva soluzione della vicenda. Noi i compiti a casa li abbiamo già fatti....ora tocca alla Politica" concludono i sindacati. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' morto sul posto nonostante i tentativi di rianimazione il ragazzo di 26 anni alla guida dell'auto coinvolta nel drammatico incidente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca