Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:45 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 08 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Via d'uscita dalla pandemia è vicina, il Recovery è un'opportunità per le donne»

Attualità lunedì 04 gennaio 2021 ore 10:02

Oltre il Covid, i 100 anni di nonno "Ricciolo"

La storia di Angiolo Andreini tra il Lager e il talento da calciatore, la perdita del padre e della moglie. Senza mai rinunciare alla voglia di vivere



FRASSINETO — Il 6 gennaio Angiolo Andreini detto “Ricciolo” compie 100 anni. Una bella storia da raccontare, soprattutto in questo momento in cui tutto è segnato dalla pandemia e stiamo affrontando tempi difficili. Ma sono proprio queste vicende ad infondere fiducia, dimostrando che la vita va avanti, nonostante tutto.

Aretino di Frassineto, sesto di 8 fratelli e figlio di un’imprenditore edile, portiere del Frassineto nell'immediato dopoguerra e medaglia d’onore dal 2010, di cui era stato insignito dall'allora Prefetto, in qualità di cittadino italiano deportato e internato nei Lager nazisti nel periodo 1943-1945. 
Angiolo, all'epoca militare all'isola d'Elba, venne fatto prigioniero con altri soldati, portato da Portoferraio a Piombino, poi in treno in Austria, di seguito nel campo di concentramento di Bergen-Belsen, dove solidarizzò con prigionieri russi e italiani, infine impiegato alla Mauser, una fabbrica vicino a Stoccarda. Qui, nel 1945, venne liberato dai francesi, scappò dalle truppe transalpine, lo ricatturarono gli americani sul Danubio ma fuggendo nuovamente e nascondendosi in vari mezzi di trasporto, il giorno di Ferragosto del 1945 fece ritorno a casa. Era partito che pesava 71 chili, mentre al suo ritorno ne pesava 45 e suo padre fece fatica a riconoscerlo.

Come accennato, giocò anche a calcio, la sua grande passione, come portiere nella squadra del Frassineto dove si mise in luce quale il miglior giocatore della Valdichiana. I giocatori non avevano né scarpette da calcio. né guanti. Fu il Conte di Frassineto che, oltre a costruire il campo sportivo, regalò a tutti scarpette e guanti. Davvero un altro mondo.

La morte del padre nel 1948, in un incidente di lavoro a cui Angiolo scampò miracolosamente, nel palazzo in fondo a Corso Italia dov'era "La Ricciola", lo costrinse ad appendere le scarpette al chiodo e ad assumere prematuramente l'eredità di famiglia in ambito lavorativo. 

Sposato con Marina, scomparsa prematuramente nel 1999, gli è rimasto un cruccio: per il suo centesimo compleanno aveva pensato a un evento con tutto Frassineto, ma il Covid lo ha costretto a rinunciare… per ora, perché la sua tempra immutata lo porta a dire che si tratta solo di un rinvio. Come antipasto di questa futura festa in grande stile, dopodomani spegnerà 100 meritatissime candeline con i tre figli Alberto, Ornella e Miranda, oltre che con nuore e cognati e i quattro nipoti Veronica, Martina, Marco e Rebecca. Tutti loro si stringeranno a lui con affetto in questo giorno così importante.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità