Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 01:00 METEO:FIRENZE20°31°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
venerdì 06 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Vaccini, Speranza: «Unico strumento per chiudere questa stagione difficile»

Cronaca martedì 02 gennaio 2018 ore 15:40

La fuga dopo un incidente e poi l'impatto mortale

Il pirata della strada poco prima di uccidere il pedone aveva provocato un altro incidente e anche in questo caso non si era fermato ed era fuggito



FIRENZE — La vittima del grave incidente avvenuto questa mattina a Sesto Fiorentino è un operaio di 58 anni. L'uomo è morto dopo essere stato investito da un'auto pirata, guidata da un marocchino di 33 anni, fuggito e poi riacciuffato dai carabinieri.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, la vittima stava attraversando il viale sulle strisce pedonali quando l'auto, che viaggiava a forte velocità, lo ha travolto. E poco prima di investire il cinquantottenne, l'auto guidata dal marocchino aveva provocato un altro incidente tra via Gramsci e viale Michelangelo, e anche in questo caso il conducente non si era fermato ed era fuggito a tutta velocità. 

L'operaio è deceduto nonostante i tentativi di rianimazione del personale del 118. Dopo la compilazione degli atti, compresi gli accertamenti tossicologici in ospedale, l’uomo è stato trasferito nel carcere di Sollicciano. 

La salma del cinquattottenne è stata trasportata presso il dipartimento di medicina legale dell'ospedale di Careggi per l'autopsia.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il drammatico incidente è avvenuto questa mattina poco dopo le 6, all'altezza della stazione. Accertamenti in corso per identificare la vittima
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità