Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 29 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, tensioni al corteo anarchico per Alfredo Cospito: ferito un poliziotto

Attualità mercoledì 06 gennaio 2016 ore 13:00

​Avanzi a casa dal ristorante? In pochi lo fanno

E' questo il risultato di un'indagine di Coldiretti/Ixè che quantifica in oltre 75 chili l'ammontare del cibo che all'anno i toscani buttano via



FIRENZE — Coldiretti quantifica in oltre 75 chili l'ammontare del cibo che all'anno i toscani buttano nell'immondizia, con una "montagna di sprechi" nella nostra regione, pari a 300 mila tonnellate all'anno. 

Solo un toscano su cinque, emerge dalla ricerca Coldiretti, risulta aver chiesto al cameriere di mettere gli avanzi nella 'doggy-bag', il box o la vaschetta dove vengono riposti gli avanzi del piatto da riportare a casa. Per un toscano su quattro chiedere al ristorante di portarsi gli avanzi a casa è addirittura da maleducati, poveracci e volgare. 

C'è poi, per Coldiretti, un'altra componente psicologica e culturale molto forte che incide in questa direzione: i toscani si vergognano. 

L'indagine è stata realizzata in occasione dell'introduzione in Francia dell'obbligo per i ristoranti più grandi di rendere disponibile a fine pasto ai loro clienti la 'doggy bag'. 

La normativa francese entrata in vigore riguarda i ristoranti con più di 180 coperti e fa parte di una iniziativa del governo francese per dimezzare gli sprechi di cibo e per la ristorazione.

"La riduzione degli sprechi - spiega Tulio Marcelli, presidente Coldiretti Toscana - è prima di tutto una battaglia di civiltà e di rispetto nei confronti di chi non ha garantito il cibo a sufficienza per condurre una vita dignitosa e serena. Buttare via il cibo equivale ad erodere le speranze di vita di qualcuno. I dati sullo spreco sono impressionanti nonostante ci sia stata una riduzione, per effetto della crisi che ha indotto ad acquisti più ragionati e misurati, alla cucina fai da te e alla riscoperto delle ricette degli avanzi: ogni anno, ogni toscano, butta nell'immondizia, circa 75 chili di cibo. 300mila tonnellate nell'anno solare. Una montagna di cibo che rappresenta una montagna di spreco. La rivoluzione culturale deve iniziare nelle case di ciascuno di noi ma anche nei ristoranti e nei luoghi della somministrazione: ci si dovrebbe vergognare a buttare il cibo nella spazzatura non nel chiedere al cameriere di prepararci una vaschetta con gli avanzi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno