Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:14 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 01 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
L'audio della telefonata tra il Papa e Becciu: «Santità, la lettera che mi ha inviato è una condanna»

Cronaca martedì 19 maggio 2015 ore 14:00

Calcioscommesse, maxi-retata in tutta Italia

La Polizia ha fermato 50 persone per 28 partite truccate di Lega Pro e serie D. Indagini anche su incontri di Pisa, Grosseto, Prato e Tuttocuoio



CATANZARO — L'operazione, battezzata Dirty Soccer e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, è stata messa in atto in venti province di Calabria, Toscana, Lombardia, Veneto, Liguria, Campania, Puglia, Emilia Romagna, Abruzzo e Marche.

Al centro delle indagini due distinti gruppi criminali che avrebbero truccato gli incontri. Fra i personaggi coinvolti ci sono calciatori, ex calciatori, dirigenti di club, un poliziotto, alcuni stranieri e un presunto membro del clan Iannazzo della 'Ndrangheta, che opera in provincia di Lamezia Terme. Per tutti l'accusa è associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva.

Nel mirino degli investigatori 17 incontri dei gironi A, B e C di Lega Pro e 11 partite della lega Dilettanti, serie D, gironi H e I. Le partite su cui gli inquirenti hanno accertato i giri di scommesse sarebbero state giocate nel corso della stagione 2014-2015.

Secondo i titolari dell'inchiesta, le due organizzazioni venivano alimentate anche da ingenti quantitativi di denaro proveniente da personaggi residenti in Kazachistan, Serbia, Slovenia e Russia (alcuni dei quali ancora non identificati) che interagivano con i gestori del giro di scommesse. In pratica i finanziatori stranieri foraggiavano le organizzazioni per corrompere, con la mediazione di dirigenti sportivi compiacenti, i calciatori e truccare le partite su cui venivano raccolte le scommesse e 'guadagnare' fiumi denaro.

Se poi l'accordo saltava e l'esito delle partite non rispettava i 'patti' fra corruttori e corrotti, scattavano le ritorsioni: alcune delle persone coinvolte sono accusate anche di estorsione e sequestro di persona.

"L'inchiesta - scrive il pubblico ministero nel decreto di fermo - ha fatto emergere la parte marcia del mondo del pallone della Lega Nazionale Dilettanti e della Lega Pro che è poi quello visceralmente legato alla provincia italiana".

Ecco l'elenco degli incontri finiti nel mirino degli investigatori:

LEGA PRO 

Pisa - Torres 

Juve Stabia -  Lupa Roma 

Sant'Arcangelo - Aquila 

Grosseto - Sant'Arcangelo 

 Aquila - Savona 

Prato - Sant'Arcangelo 

Cremonese - Pro Patria 

Monza - Torres 

Bassano - Monza 

Torres - Pro Patria 

Pro Patria - Pavia 

Aquila - Tuttocuoio 

Aquila - Sant'Arcangelo 

Barletta - Catanzaro 

Aversa - Barletta 

Vigor Lamezia - Paganese 

Barletta - Vigor Lamezia 

SERIE D 

Hinterreggio - Neapolis 

Sorrento - Montalto 

Neapolis - Montalto 

Monopoli - Puteolana 

 Montalto - Frattese 

Due Torri - Neapolis 

Neapolis - Akragas 

Neapolis - Sorrento 

Brindisi - San Severo 

Andria - Puteolana 

 Pomigliano - Brindisi


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al culmine di un diverbio è spuntata la lama, con uno dei due uomini colpito da fendenti al torace che l'hanno ridotto in fin di vita
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità