Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE17°30°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 22 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Afghanistan, la sfida delle giornaliste: a volto scoperto in tv nel primo giorno di divieto

Cronaca martedì 18 luglio 2017 ore 21:29

Cambio di etichetta, vestiti Made in Italy

La Guardia di Finanza ha sequestrato più di tredicimila capi prodotti in Cina e rivenduti come italiani. Blitz anche a Lucca, Pisa e Firenze



RAVENNA — Le Fiamme gialle l'hanno battezzata Wonderland l'operazione che ha smantellato un gigantesco giro di affari basato su capi di abbigliamento realizzati in Cina e poi rivenduti in Liguria, in Emilia Romagna e in Toscana come made in Italy grazie a un semplice cambio di etichetta.

L'inchiesta è iniziata da un negozio di Lugo e si è presto estesa ad altre città fra cui le toscane Lucca, Pisa e Firenze. 

Sotto sequestro 13mila pezzi fra abiti, camicie, magliette, pantaloni e più di 15mila cartellini.

La rete di rivendita della merce dopo il cambio di etichette contava 14 negozi distribuiti tra Lugo, Bologna, Genova, Firenze, Treviso, Pisa e Lucca.

L'organizzazione faceva capo a tre immigrati di origine cinese  residenti a Ravenna.

L'inchiesta è iniziata dalle segnalazioni di alcuni acquirenti dei negozi che una volta a casa avevano scoperto all'interno di alcuni degli abiti anche l'etichetta made in China.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo di 74 anni è morto sulle spiagge dell'Elba. Inutili i soccorsi da parte del personale sanitario del 118 che ha constatato il decesso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca