Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°23° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 22 settembre 2018

Cronaca venerdì 05 gennaio 2018 ore 18:20

Feriti e bloccati nella trappola di ghiaccio

Due escursionisti, uno di Parma e l'altro di Villafranca, sono scivolati in vetta a 1720 metri sull'Appennino. Salvati dal soccorso alpino



CORNIGLIO — Un giovane escursionista di Parma stava affrontando con il proprio cane la salita alla terza vetta più alta dell’appennino parmense quando, sprovvisto di picozza e ramponi, è scivolato su un insidioso tratto di neve ghiacciata all’altezza della Sella del Marmagna, a quota 1720 metri circa. 

La caduta ha provocato all’escursionista una dolorosa frattura ad un braccio. L'uomo ha iniziato quindi a urlare e a chiedere aiuto. Fortunatamente con le urla ha attirando l’attenzione di due escursionisti provenienti da Villafranca che si trovavano poco distanti e subito si sono recati verso il malcapitato per soccorrerlo.

Uno dei due ha tentato di avvicinarsi al ferito ma è caduto rovinosamente a sua volta sul ghiaccio procurandosi un trauma ad una spalla. Il terzo escursionista ha così chiamato con il cellulare la Centrale Operativa del 118, che ha immediatamente allertato i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Emilia Romagna e l’elicottero del 118 toscano “Pegaso 3” di Massa.

Arrivati sul posto quasi in contemporanea alle squadre territoriali, i soccorritori sbarcati dall’elicottero hanno stabilizzato l’infortunato più grave e quindi lo hanno trasportato alla piazzola di Bosco di Corniglio,  dove era pronta un'ambulanza per il trasferimento presso l’Ospedale Maggiore di Parma. 

Le squadre di terra invece, hanno accompagnato l’altro ferito fino a Lagdei, dove ha rifiutato controlli sanitari e si è potuto ricongiungere all’amico.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità