Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE9°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 01 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, la comunità marocchina festeggia in strada dopo la vittoria ai Mondiali

Attualità venerdì 16 dicembre 2016 ore 17:10

Ciclista travolto, è caccia all'auto pirata

Raghi Cioni (foto da Facebook)

Il giovane trentenne è stato tamponato lungo via Maremmana ed è morto in un fosso. Le forze dell'ordine indagano, il fratello chiede giustizia



SAN MINIATO — E' caccia al pirata, auto o alto veicolo che sia, che nella tarda serata di giovedì ha travolto Raghi Cioni ed è scappato senza prestargli soccorso lasciandolo così morire in un fosso lungo la strada.

Il giovane stava percorrendo in sella alla sua bici via Maremmana, vicino al campo sportivo di Ponte a Egola, quando un mezzo lo ha urtato e trascinato per alcuni metri senza fermare la sua corsa. Nell'impatto, il ciclista ha riportato gravi traumi ed è stato trovato dai soccorritori in arresto cardiaco. I tentativi di rianimarlo sono andati avanti a lungo ma senza risultato, per i medici non c'è stato altro da fare che dichiarare il decesso.

Le forze dell'ordine hanno avviato le indagini.

Raghi era un ragazzo conosciuto a San Miniato e Ponte a Egola. Figlio di Alberto Cioni e Giuseppina Romeo, entrambi impiegati del Comune di Santa Croce, il trentenne viveva nella frazione sanminiatese insieme alla madre, alla sorella e al fratello minore che su Facebook ha sfogato il suo dolore e soprattutto ha chiesto giustizia: "Una cosa chiedo, la voglio e la esigo - ha scritto il giovane sul suo profilo social -. Che venga fuori chi ha ucciso mio fratello perché di questo adesso si tratta, chi è la persona che per 20 metri l'ha trascinato sul cofano della macchina e che l'ha lasciato al freddo con un un imponente trauma cranico, ferito con lacerazioni escoriazioni senza che nessuno potesse soccorrerlo, lasciandolo morire. Chi ha visto qualcosa parli, chi ha telecamere e registrazioni le porti dai carabinieri. Chi ha commesso reato vada a costituirsi. È una vergogna, chi l'ha investito ha fermato la vita di una persona, di un ragazzo giovane assieme alla sua famiglia".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Al culmine di un diverbio è spuntata la lama, con uno dei due uomini colpito da fendenti al torace che l'hanno ridotto in fin di vita
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Monitor Consiglio

Attualità