Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:40 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
domenica 07 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
A Sanremo vince il rock dei Maneskin

Cronaca giovedì 20 giugno 2019 ore 10:55

Droga e pistole, scovato il magazzino della banda

Brillante operazione dei carabinieri di Pontedera, con l'ausilio del nucleo cinofilo di San Rossore, conclusasi con l'arresto di un uomo



SANTA MARIA A MONTE — Ieri pomeriggio i carabinieri del Nor della Compagnia di Pontedera, con l’ausilio del Nucleo Cinofili di Pisa San Rossore, a seguito di uno specifico servizio antidroga, hanno localizzato ed arrestato, all’interno di un casolare agricolo di Santa Maria a Monte, un 30enne albanese, trovato in possesso di un ingente quantitativo di droga e di numerose armi.

Circa la droga i militari hanno trovato e sequestrato: un panetto di mezzo kg di eroina; diversi involucri contenenti complessivamente 114 grammi di cocaina; materiale idoneo al peso e confezionamento della droga, tra cui una pressa, un dispositivo termico per impacchettare sottovuoto ed una bilancia digitale, con evidenti tracce di cocaina; una somma di 565 euro, ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio.

Circa le armi sono state trovate e sequestrate: una pistola di costruzione artigianale, modificata in una calibro 380, completa di caricatore con 6 cartucce; una pistola semiautomatica marca Beretta cal. 7.65, con matricola abrasa; una pistola semiautomatica marca Browning’s Colt, priva di matricola; un revolver di fabbricazione statunitense cal. 6.35, con tamburo contenente 5 colpi, senza matricola; un revolver di fabbricazione tedesca, con tamburo da otto colpi, senza matricola; due pistole a salve, cariche ed entrambe prive del tappo di sicurezza; munizionamento di vario calibro, per complessivi 310 proiettili; un pugnale della lunghezza di 30 cm.

Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato accompagnato alla Casa Circondariale di Pisa, mentre sono in corso gli accertamenti in merito al materiale rinvenuto, ritenuto di grande importanza dal punto di vista investigativo.

I carabinieri sospettano che il casolare, dove l'arrestato abitava regolarmente, facesse da magazzino e base logistica per una banda di suoi connazionali albanesi, dedita a spaccio, rapine e altre azioni delittuose fra il Cuoio e la Valdera.

Le pistole sequestrate saranno inviate al Ris per ulteriori accertamenti, dai quali i militari sperano emergano elementi utili per delineare con maggior precisione l'operato e la composizione della banda.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Sport

Cronaca