Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:35 METEO:FIRENZE15°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 19 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità martedì 18 luglio 2017 ore 16:55

Darsena Europa, lavori al via nel 2018

SERVIZIO - DARSENA EUROPA, LAVORI AL VIA NEL 2018

Lo ha detto il governatore Rossi. Al via anche l'allungamento della ferrovia dall'interporto fino a Collesalvetti. Novità per la vecchia appenninica



FIRENZE — I lavori per realizzare la Daserna Europa di Livorno grazie alla revisione del progetto prenderanno il via nel 2018 e termineranno nel 2022, risparmiando quattro anni rispetto alla scadenza del 2026 prevista inizialmente. Ad annunciare la novità è stato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi al termine dell’incontro per l’accordo di programma sulla nuova infrastruttura. Fra le novità progettuali, l’escavo della darsena portato a venti metri. Nessuna variazione per la piattaforma che resta di 62 ettari.

"Nel 2018 potremo partire con i lavori della parte pubblica, che sarà progettata dall'autorità portuale di Livorno, sia con parte del privato per quanto riguarda i sedimenti, parte dei quali andrà a realizzare una banchina riservata alle auto" ha spiegato il governatore.

Nel 2018 partiranno anche i lavori per lo scavalco ferroviario. E non solo

"Ferrovie predisporrà anche il progetto preliminare dell’allungamento della linea dell’interporto verso la linea Collesalvetti-Vada - ha sottolineato Rossi - facendo diventare il porto di livorno il più attrezzato per portare le merci sulla linee ferroviarie nazionali".

L'ultima novità non riguarda Livorno ma l'attraversamento ferroviario dell'Appennino. Rossi ha annunciato che Ferrovie ha destinato 700 milioni al progetto di adeguamento della vecchia linea appenninica, superata da quella dell'Alta Velocità.

Tutti i numeri dell'operazione Darsena Europa:

- cinque anni anziché nove e dunque ultimazione dei lavori nel 2022 anziché nel 2026. 

- Costi: 467 milioni anziché 667 della precedente ipotesi (ovvero 200 milioni in meno) che con i 195 milioni per l'allestimento del terminal diventano 662 contro gli 862 milioni di euro iniziali.

- In particolare 90 milioni saranno necessari per i dragaggi, 94 per le dighe, 77 per le banchine 23 per gli impianti e 183 per i piazzali.

- La banchina della Darsena Europa, seconda la nuova revisione, avrà una lunghezza di 1200 metri contro i 900 dell'attuale progetto e una profondità che da 16 metri potrà spingersi fino a venti. Il terminal si estenderà su una superficie di 62 ettari, che senza più la necessità di lasciarne una parte libera, non pavimentata, per il deposito dei sedimenti, di fatto si tradurrà in spazi ancora maggiori del precedente progetto. La capacità sarà di 1,6 Mteu.

- I treni arriveranno sino a 750 metri, direttamente sulla tirrenica. Le opere a difesa prevedono un nuovo tracciato della diga nord fino al limite del bacino del terminale delle autostrade del mare, dighe provvisorie tra la nord e lo sporgente petroli e nuove dighe esterne. Tutte rispettano geometria e funzioni del piano regolatore del porto vigente.

- L'orientamento modificato della Darsena Europea, rispetto al precedente progetto, permetterà una più favorevole movimentazione dei cointainer. Inoltre, visto che i privati potranno iniziare a lavorare da subito sulla colmata esistente, ne aumenterà anche l'attrattività.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna di 32 anni residente in provincia di Lucca è stata trovata senza vita in un appartamento in Valle d'Aosta. Non se ne avevano notizie da ore
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità