Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°16° 
Domani 16°25° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 16 luglio 2019

Attualità giovedì 19 maggio 2016 ore 14:34

A rischio chiusura l'unica banca del paese

La filiale del Monte dei Paschi di Siena, l'unico sportello del paese, decide di chiudere a giorni alterni, il sindaco protesta e scrive ai vertici



MARCIANA — Marciana rischia di rimanere senza banca o, nella migliore delle ipotesi, con una filiale aperta pochi giorni a settimana. Un'eventualità che priverebbe il comune elbano dell'unico sportello aperto su un territorio ampio e che comprende molte e lontane frazioni. Una possibilità che il sindaco Anna Bulgaresi intende scongiurare anche perchè alla Monte dei Paschi, la cui sede è proprio sotto il municipio, è affidata da tempo la tesoreria comunale.

Un disagio per i cittadini e un ostacolo non indifferente per l'attività della macchina amministrativa. Per questo Bulgaresi ha preso carta e penna e ha scritto una decisa lettera all'amministratore delegato di Mps, Fabrizio Viola, e al presidente della Regione, Enrico Rossi.

Ecco il testo della lettera:

"Con la presente sono a rappresentare formalmente la contrarietà alla chiusura a giorni alterni della Banca del Monte dei Paschi di Siena a Marciana. Pur comprendendo il momento difficile che la Banca sta attraversando, chiedo che vengano valutate seriamente le conseguenze che tale scelta porterà ad un territorio come quello di Marciana, ma anche alla Banca stessa.

La chiusura a giorni alterni equivale ad un ulteriore impoverimento di servizi ai quali i cittadini potranno accedere, ma anche alla progressiva, successiva e necessaria scelta, da parte dei privati, di scegliere un'altra Banca. Ricordo infatti che la maggior parte dei residenti delle frazioni di Sant’Andrea, Zanca, Patresi, Poggio e Marciana hanno un conto corrente aperto presso la vostra filiale e che già hanno scontato pesantemente, dal 2015, la chiusura e del Bancomat e della filiale estiva che avevate aperto in Loc. Zanca. 

Nella stessa situazione di criticità si troverà anche il Comune, che ricordo ha la sua sede proprio sopra la Banca e che ad essa ha affidato il servizio di Tesoreria. La chiusura a giorni alterni della Banca comporterebbe notevoli disagi al normale svolgimento delle attività del Comune stesso e di conseguenza questo andrebbe a ledere anche e soprattutto i diritti dei cittadini in qualità di utenti dei servizi erogati dall’Ente. 

Chiedo quindi: un ripensamento rispetto alle scelte effettuate dai vostri amministratori, affinchè la filiale di Marciana rimanga aperta e fruibile dalla comunità cinque giorni su sette, la garanzia di quella sorta di “servizio pubblico” ampiamente riconosciuto alla Banca e la prosecuzione del rapporto di fiducia che ormai da decenni lega questo territorio al Monte dei Paschi di Siena.

Nel caso in cui tali richieste non siano prese in considerazione, questa amministrazione, considerando il mancato accoglimento delle richieste un formale atto di disinteressamento rispetto ai disagi apportati a tutto il territorio marcianese, procederà a valutare nuove e diverse forme di collaborazione con Banche presenti nel territorio elbano che assicurino l’offerta continuativa del servizio. 

Allo stato attuale infatti altri Istituti bancari stanno investendo sul nostro territorio, in totale controtendenza con le Vostre decisioni, evidentemente interessati ad offrire un servizio piuttosto che a toglierlo o limitarlo, in un territorio con grandi potenzialità ed a forte vocazione turistica, dimostrando una lungimiranza che, nei fatti, sembra a Voi mancare".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità