Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:FIRENZE22°37°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 18 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»
Il ricordo del Barcelona Guayaquil per Justin Cornejo: «Ora la nostra famiglia è incompleta»

Monitor Consiglio sabato 29 luglio 2023 ore 10:07 Spazio a cura dei gruppi politici del Consiglio regionale della Toscana

Una cartella clinica leggibile da tutti i professionisti

Andrea Ulmi
Andrea Ulmi

Grazie ad un mio emendamento al Prs si risolve una grossa lacuna nel sistema di utilizzo della cartella clinica elettronica e si rende più semplice la vita di medici e cittadini



FIRENZE — “Una cartella clinica leggibile dai professionisti che operano in diversi presidi ospedalieri e sul territorio. Grazie ad un emendamento che ho presentato al Prs e che è stato approvato dal Consiglio, finalmente la Regione può porre rimedio ad una lacuna del sistema, che per onestà intellettuale aveva già individuato e a cui cercava di rimediare, ma adesso, inserito nel piano di sviluppo e con il Pnrr che chiede innovazione digitale, diventa obbligatorio raggiungere”. 

Così il consigliere della Lega, vicepresidente della Commissione Sanità Andrea Ulmi sull’emendamento al Programma Regionale di Sviluppo in merito alla cartella elettronica che aggiunge, nel paragrafo sulle ‘politiche per la salute’ la previsione di una uniformazione del servizio di Cartella Clinica Elettronica tale da renderla leggibile, fruibile e aggiornabile, nei limiti delle norme sulla privacy, dai differenti professionisti operanti anche in presidi ospedalieri differenti o presidi territoriali’. 

Un tema, quello del dialogo tra sistemi informatici, che Ulmi ha affrontato sin dal suo discorso di insediamento in Consiglio allorché sollevò il problema di dodici diversi linguaggi digitali nelle aziende sanitarie e la circolazione ancora dei dischetti per leggere radiografie e tac, quando i computer non vengono neppure costruiti con il lettore integrato.

“Con questo emendamento – afferma il vicepresidente della Terza Commissione - si punta a risolvere una grossa lacuna nel sistema di utilizzo della cartella clinica elettronica, cioè la necessità di essere resa uniforme e ‘leggibile’ dai differenti professionisti delle diverse strutture ospedaliere o operanti sul territorio così da renderla, nei fatti, realmente uno strumento efficace per attivare in tempo reale cambiamenti e ridurre i tempi di anamnesi, specialmente in situazioni critiche e/o emergenziali”. 

“Credo che con questo emendamento – conclude - si possa semplificare la vita a tanti professionisti, ma anche ai cittadini. Sono molto soddisfatto che questa proposta, sicuramente costruttiva e di buonsenso, abbia trovato l’accordo anche nella maggioranza”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'orrore si è consumato nella notte: lui l'ha avvicinata con gentilezza, poi l'ha afferrata per il collo e minacciata costringendola ad appartarsi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca