Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:46 METEO:FIRENZE14°21°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 01 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni: «Con Berlusconi non abbiamo parlato di ministri ma di priorità, sono ottimista»

Lavoro sabato 11 agosto 2018 ore 11:57

"Bekaert, ora ci convochino da Roma"

Enrico Rossi

Post su FB il governatore Rossi dopo la visita di Di Maio agli operai a rischio. "Per ora è la Regione che ottenuto il rinvio dei licenziamenti"



FIRENZE — Il giorno dopo la visita di Luigi Di Maio, vicepremier e ministro del lavoro e dello sviluppo economico, agli operai della Bekaert che rischiano il licenziamento, è il presidente della Regione a prendere la parola e a marcare il territorio rivendicando alla Regione "l'unico risultato" ottenuto finora cioè "il rinvio di un mese dei licenziamenti che altrimenti sarebbero avvenuti già a settembre". Nell'ultimo incontro in Regione, infatti, i vertici dell'azienda che a inizio luglio al ministero avevano sbattuto la porta in faccia a qualsiasi richiesta di fare retromarcia, hanno ammorbidito la linea allungando i tempi.

Il governatore lo ha scritto in un post su Facebook nel quale ha ringraziato il ministro, e dunque il governo, per l'attenzione dimostrata nei confronti della vicenda che riguarda 318 lavoratori che rischiano di andare a casa, senza tuttavia risparmiare qualche frecciata neanche troppo velata al titolare di lavoro e sviluppo economico."Ci sono cose su cui persino Di Maio diventa uno statista - si legge nel post - anche se poi continua a dire bugie. Come ieri, davanti ai lavoratori della Bekaert a cui ha promesso di reintrodurre la cassa integrazione straordinaria per tutti i casi di cessazione attività, che il Jobs Act ha tolto. Sarebbe intelligente che i deputati e i senatori del centrosinistra accogliessero seriamente la proposta di Di Maio e lo sfidassero ad essere coerente. Per ora ha parlato così solo Cesare Damiano, anche se non è stato eletto in Toscana".

Quindi il riferimento al decreto dignità voluto da Di Maio e divenuto legge nei giorni scorsi dopo il passaggio alle Camere. Su questo, scrive Rossi, "Di Maio si è lasciato prendere la mano e ha voluto rivendicare che il suo cosiddetto “decreto dignità” d’ora in poi impedirà casi come la Bekaert. E questa è una “bufala” pazzesca. Carissimo ministro, grazie per la tua venuta".

In ogni caso la priorità adesso è una sola: "Ora - scrive ancora il presidente della Regione - aspettiamo urgentemente la convocazione a Roma".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La vettura sarebbe sbandata sulla strada bagnata prima di andare a impattare contro la struttura a bordo strada. Tre i feriti, tra cui la bambina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Lavoro

Cronaca