Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:11 METEO:FIRENZE15°25°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 04 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dentro Bakhmut deserta, tra colpi di artiglieria e carri armati. Qui il centro della battaglia per il Donbass

Monitor Consiglio martedì 19 aprile 2022 ore 12:13 Spazio a cura dei gruppi politici del Consiglio regionale della Toscana

​Guardie volontarie venatorie, presentata la mozione

Irene Galletti
Irene Galletti

“Nella delibera di Giunta nr. 202 del 28 febbraio 2022 la Regione Toscana, nel riorganizzare lo svolgimento del servizio per le guardie giurate venatorie volontarie (GGVV) e per le guardie giurate ittiche volontarie (GGIV), ha previsto una serie di limitazioni che costituiscono un ostacolo alla possibilità, per i volontari e le associazioni, di offrire il proprio servizio - che viene reso a titolo gratuito - sminuendo quindi l’efficacia del loro compito.”



FIRENZE — Ad affermarlo è Irene Galletti, Capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio Regionale, che annuncia una mozione che impegna la Giunta “A riesaminare la delibera ridiscutendone il contenuto con la partecipazione di rappresentanti dei soggetti interessati, al fine di concordare un documento che, valorizzando e massimizzando la professionalità delle guardie volontarie in collaborazione con le autorità competenti, permetta di prevenire, contrastare e sanzionare efficacemente le pratiche venatorie ed ittiche illegali, tutelando l’ecosistema.”

Spiega Galletti “Abbiamo appreso da un comunicato congiunto di WWF, ENPA, LAC, LAV, Legambiente e LIPU di una serie di modifiche al regolamento che indebolirebbero pesantemente l’attività dei volontari, vanificandone di fatto l’operato. Un intervento così sistematico sembra a tutti gli effetti un bastone tra le ruote a quelle persone che, con impegno e dedicando il loro tempo libero, contribuiscono a sopperire alla mancanza cronica di controlli da parte delle forze provinciali, numericamente sempre più ridotte già da anni. Giova ricordare un nostro intervento nel 2019, quando la Regione “dimenticò” di rinnovare la convenzione con le polizie provinciali, che hanno invece il compito di coordinare l'attività di vigilanza dei volontari delle associazioni”.

“Impedire ad esempio alle guardie volontarie di utilizzare dispositivi di registrazione audio/video di persone se non per il rilievo di stato di fatto e luoghi significa impedire di fornire alle autorità elementi di indagine e di prova, così come obbligarli a poter svolgere l’incarico solo in una provincia: di fatto si limita la loro attività, e in violazione di normative nazionali per giunta. Insomma, tutto appare finalizzato a rendere impraticabile l’attività di sorveglianza, a discapito di un servizio che l’Unione Europea ci ha più volte attenzionato per la repressione dei reati contro la fauna selvatica e non solo. Per questo stiamo interessando anche i nostri europarlamentari a riguardo”.

"Un atteggiamento del genere è ancora più paradossale se si osservano i dati la fiducia degli italiani riguardo la capacità dello Stato di garantire un adeguato controllo sull’attività venatoria al fine di prevenire gli illeciti: secondo un sondaggio del WWF infatti il 58% pensa che le sanzioni previste in Italia per contrastare il bracconaggio e la caccia illegale siano insufficienti e addirittura il 71% considera che le forze dell’ordine e la Magistratura non siano sufficientemente a conoscenza degli impatti generati da questi crimini di natura. Una riflessione che a quanto pare non sfiora minimamente la Regione Toscana".

Irene Galletti, Capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione Toscana.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A scoprire i corpi dei due, fiorentini, sono stati i carabinieri a seguito dell'allarme lanciato da una donna che non riusciva a contattarli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Qui Ambiente

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Monitor Consiglio

Cronaca

Attualità